‘Disobedience’ dal romanzo di Naomi Alderman (ed. Nottetempo), con Rachel McAdams e Rachel Weisz | Uscita nelle sale il 25 ottobre (presentazione e trailer)

  

‘Disobedience’ dal romanzo di Naomi Alderman (ed. Nottetempo), con Rachel McAdams e Rachel Weisz | Uscita nelle sale il 25 ottobre

 

SINOSSI

Ronit, figlia di un noto rabbino di Londra, fugge a New York per vivere da donna libera. Otto anni dopo, in occasione della morte del padre, rientra nella capitale inglese ma la comunità ebraica a cui appartiene non ha dimenticato la sua disobbedienza.

 

DISOBEDIENCE: DAL ROMANZO DI NAOMI ALDERMAN

Diretto da Sebastián Lelio, regista di ‘Una mujer fantàstica’, e sceneggiato dallo stesso con Rebecca Lenkiewicz, Disobedience racconta la storia di una donna che, dopo la morte del padre rabbino, torna nella sua comunità ebrea ortodossa e genera scandalo nel momento in cui mostra un particolare interesse nei confronti di una vecchia amica. Tutto ha inizio quando Ronit Khrushka, fotografa newyorkese, apprende la notizia della morte del padre, il rabbino Rav, a Londra, decidendo di far rientro in Inghilterra e immergersi nella stessa comunità che anni prima non aveva accettato il suo spirito libero. Ad accoglierla trova Dovid Kuperman, suo vecchio amico che per il rabbino era come un figlio, e l’ostilità degli altri che credeva oramai superata. Più che addolorata, Ronit è arrabbiata per non essere stata informata delle condizioni di salute del padre e per il necrologio in cui si afferma che era senza figli. Con stupore, scopre anche che Dovid ha sposato Esti, una loro ex migliore amica divenuta insegnante in una scuola femminile ortodossa. Tra le due donne, esistono vecchi conti in sospeso che le pongono in una posizione di evidente disagio. Il passare dei giorni porterà alla luce quale forte legame intercorra tra le due donne.

‘Disobbedienza’ ed. Nottetempo

Con la direzione della fotografia di Danny Cohen, le scenografie di Sarah Finlay, i costumi di Odile Dicks-Mireaux e le musiche di Matthew Herbert, Disobedience adatta per lo schermo il romanzo Disobbedienza di Naomi Alderman, pubblicato con successo nel 2006. A volerne la trasposizione è stata l’attrice Rachel Weisz, che lo ha proposto alla produttrice Frida Torresblanco, come la stessa ha spiegato: “Ero alla ricerca di un progetto che avesse al centro delle donne forti, intelligenti e determinate. Ciò che più mi ha colpito del romanzo è stato il modo in cui tratta il tema della trasgressione e della disobbedienza di due donne. Nel mondo in cui viviamo, la trasgressione non suscita più scalpore e la parola tabù quasi non esiste più. Il termine disobbedienza vuol dire poco o niente. Le due parole però assumono un significato diverso se si riferiscono a una piccola comunità chiusa, come quella ebraica ortodossa della parte settentrionale di Londra. Una storia di trasgressione e disobbedienza all’interno di un microcosmo ordinato e tradizionalista come quello si tramuta inevitabilmente in un grande dramma universale con cui tutti devono fare i conti”.

 

Autore: Redazionale

Condividi