High Life: «così termina anche la vita»
Ago15

High Life: «così termina anche la vita»

High Life: «così termina anche la vita» @ Silvia Scaravaggi (09-08-2020)   Distanza. Si colma di nulla latente, lo spazio isolato che raccoglie la luce se il giorno termina; così termina anche la vita. Osip Solonovi (1898)                                                           «Autorizzazione concessa, prolungamento dei sistemi di supporto vitale per 24 ore». Un’astronave galleggia nello spazio e ospita un uomo e una neonata. Da...

Leggi di più
Segnale dall’allarme – La mia battaglia VR
Ago15

Segnale dall’allarme – La mia battaglia VR

Segnale dall’allarme – La mia battaglia VR @ Silvia Scaravaggi (07-07-2020) Milano, Teatro Franco Parenti – Sai già che sarà una tortura perché il testo è il Mein Kampf di Adolf Hitler e le capacità di Elio Germano di rendere quanto mai attuale e vicino ciò che mette in scena ti colpiranno come  un cazzotto nello stomaco; starai al gioco fino alla fine lottando contro la tua voglia di urlare. Non sai però che una tortura...

Leggi di più
‘Ritratto della giovane in fiamme’: infinitamente desiderati levità e ardore
Ago15

‘Ritratto della giovane in fiamme’: infinitamente desiderati levità e ardore

Ritratto della giovane in fiamme: infinitamente desiderati levità e ardore @ Silvia Scaravaggi (07-06-2020)   Dev’essere così che ci si sente di fronte a un proprio ritratto: rivelati, illuminati, infiammati. Che un altro da noi abbia saputo cogliere se stesso dentro le nostre forme, ci abbia accesi di una nuova identità rivelandoci una parte di noi stessi, non ci lascia indifferenti. La luminosità del fuoco, le luci e le ombre di una...

Leggi di più
Rituale e sentimento nel frutto cinematografico di Victoria Yakubov: Olma Djon
Ago08

Rituale e sentimento nel frutto cinematografico di Victoria Yakubov: Olma Djon

Rituale e sentimento nel frutto cinematografico di Victoria Yakubov: Olma Djon @ Silvia Scaravaggi (25-04-2020) Sholpan ha sette anni e non ha mai parlato, suo padre Bolot prova ardentemente a comunicare con lei, pronuncia frasi semplici, incisive, usa gli oggetti come esempi a cui associare suoni da ripetere. I suoi sforzi sono vani. La madre di Sholpan, Sara, vive in un tempo più lento, in un’attesa fatta di gesti quotidiani e...

Leggi di più