MUTA IMAGO presenta SONORA DESERT con musiche originali di Alvin Curran _ dall’8 al 20 giugno al Teatro India di Roma

,   

Teatro India

8 • 20 giugno 2021

OCEANO INDIANO

 

Teatro di Roma in corealizzazione con

ROMAEUROPA FESTIVAL 2021 (ANTEPRIMA)

Muta Imago (Riccardo Fazi e Claudia Sorace) presenta il nuovo lavoro Sonora Desert,

risultato produttivo del progetto Oceano Indiano presentato nella programmazione del Teatro di Roma e come appuntamento d’anteprima del Romaeuropa Festival 2021: un viaggio immaginario,

un’esperienza percettiva – tra installazione, concerto e performance sonora – che invita i visitatori

ad esplorare una dimensione liminale del sé, muovendosi tra ricordi personali, memoria inconscia e

 immagini archetipiche, in dialogo con le musiche appositamente composte da Alvin Curran.

SONORA DESERT

di Muta Imago

regia, luci, scene Claudia Sorace

testi, ricerche e drammaturgia sonora Riccardo Fazi

musiche originali Alvin Curran

direzione tecnica, realizzazione scene e luci Maria Elena Fusacchia

assistenza alla direzione tecnica Simona Gallo, Camila Chiozza

guide Chiara Caimmi, Francesco Di Stefano

organizzazione Martina Mericocura Ilaria Mancia

 da un’idea di Glen Blackhall, Riccardo Fazi, Claudia Sorace

Produzione Muta Imago

coproduzione Teatro di Roma – Teatro Nazionale

Fondazione I Teatri Festival Aperto di Reggio Emilia

con il sostegno di Azienda Speciale Palaexpo, Mic

in corealizzazione con Romaeuropa Festival

 

Durante lo spettacolo è previsto l’uso di luci stroboscopiche e vibrazioni, si sconsiglia la visione a chi soffre di epilessia e cardiopatia

 

La capienza prevista per ogni rappresentazione è di 20 persone

 

Dall’8 al 20 giugno il Teatro India diffonde nei suoi spazi la creazione produttiva di  Muta Imago (Riccardo Fazi e Claudia Sorace) una delle compagnie residenti di Oceano Indiano, che torna a immergersi nell’indagine sul rapporto tra spazio, tempo e percezione umana, con l’esperienza sensoriale di SONORA DESERT, un lavoro – inserito nella programmazione del Teatro di Roma e presentato come anteprima del Romaeuropa Festival 2021 – che si snoderà attraverso le tre sale teatrali (A, B e Studio B), invitando il pubblico in una dimensione psichedelica sospesa tra sonno e veglia per fruire di un inedito formato tra istallazione, concerto e performance sonora.

SONORA DESERT – una coproduzione Muta Imago e Teatro di Roma – Teatro Nazionale, Fondazione I Teatri Festival Aperto di Reggio Emilia in co-realizzazione con Romaeuropa Festival – è un dispositivo installativo che indaga il rapporto tra percezione e stati di coscienza, ispirato a un viaggio compiuto nel Deserto di Sonora, uno dei più vasti deserti americani, al confine tra l’Arizona e il Messico. A partire dalle pagine del diario di viaggio attraverso questo luogo mitico – spazio assoluto, vuoto di cultura e di senso – Sonora Desert si configura come un esercizio sulla distanza e sul desiderio.

La ricerca di Muta Imago sulla natura del tempo e le indagini compiute in America negli anni ’60 tra vibrazioni e stati di coscienza si incontrano nella forma di uno spettacolo dove non c’è niente da vedere, perché ogni cosa accade nella mente dello spettatore. «Sonora Desert è un esperimento nel senso che la sua dimensione e il suo contenuto non sono definitivi, nel senso che assume forma e significati diversi per ognuno. E’ un esperimento in quanto è sguarnito e vulnerabile».

Un ambiente di vibrazioni sonore, luminose e cromatiche, in dialogo con le musiche appositamente composte da Alvin Curran, mette lo spettatore in relazione profonda con la realtà di un mondo dove il tempo e l’io si fondono, dove la scena scompare, assieme a ogni presenza umana e ad ogni possibilità di racconto univoco. Claudia Sorace e Riccardo Fazi creano un viaggio ideale in un deserto di segno e di senso, in radicale opposizione al dominio attuale della comunicazione; un luogo immaginario da fruire tra sonno e veglia,dove lo spettatore possa sperimentare una dimensione liminale del sé, attraversando spazi e tempi della propria memoria inconscia e archetipica. «Può un progetto artistico aiutarci a sovvertire la nostra percezione quotidiana del tempo? Come creare un’esperienza che possa ricollocarci in relazione all’infinitamente grande e all’infinitamente piccolo, al passato più remoto e a ciò che deve ancora accadere? Cosa significa provocare attraverso un’operazione artistica i limiti della nostra percezione abituale?».

Muta Imago

Compagnia teatrale nata a Roma nel 2006. È guidata da Claudia Sorace, regista, e Riccardo Fazi, drammaturgo e sound designer. È composta da tutte le persone che sono state, sono e saranno coinvolte nella realizzazione dei lavori. Muta Imago è alla continua ricerca di forme e storie che mettano in relazione la sfera dell’immaginazione con quella della realtà presente, umana, politica e sociale, indagando il rapporto tra l’essere umano e il suo tempo. Gli spettacoli di Muta Imago sono da anni ospitati e co-prodotti dai più importanti festival nazionali e internazionali: con le ultime produzioni, tra le quali Combattimento (2018), Lontano da qui (2018), Canti Guerrieri (2017) ha incontrato il mondo del teatro musicale, collaborando con I Teatri di Reggio Emilia, Romaeuropa Festival, la Sagra Musicale Malatestiana e il Muziektheater Transparant di Anversa. Alla produzione degli spettacoli, Muta Imago affianca un’intensa attività didattica e di formazione. Nel 2009 la compagnia ha vinto il Premio Speciale Ubu, il Premio della critica dell’ANCT e il premio DE.MO./Movin’UP. Nello stesso anno Claudia Sorace ha vinto il Premio Cavalierato Giovanile della Provincia di Roma e il Premio Internazionale Valeria Moriconi come “Futuro della scena”; nel 2011 ha vinto il premio come migliore regia e migliore spettacolo al XXIX Fadjr Festival di Tehran, mentre nel 2019 ha curato la regia e il coordinamento artistico della Festa di Roma, assieme a Francesca Macrì e Fabrizio Arcuri. Nel triennio 2020-2022 Muta Imago è compagnia residente di Oceano Indiano, un progetto di Teatro di Roma – Teatro Nazionale. All’interno di Oceano Indiano ha ideato e realizzato assieme alle altre compagnie residenti il format radiofonico Radio India, progetto vincitore del premio Rete Critica 2020.

TEATRO INDIA_ Lungotevere Vittorio Gassman (già Lungotevere dei Papareschi) – Roma

Biglietteria Teatro di Roma _ tel. 06.684.000.311/314 _ www.teatrodiroma.net

Biglietteria Vendita e acquisto online dei biglietti sul portale vivaticket.com e 3 ore prima dell’inizio dello spettacolo

Botteghino Teatro India: da martedì 4 maggio, dalle ore 16.00 _ domenica dalle 14.00

Orari spettacolo:
ore 17.00 – 19.00 – 21.00 _ lunedì riposo
capienza prevista per ogni rappresentazione: 20 persone
Durante lo spettacolo è previsto l’uso di luci stroboscopiche
Si sconsiglia la visione a chi soffre di epilessia e cardiopatia
Biglietti spettacoli:
intero 10 euro
Durata spettacolo:

70 minuti

 

Ufficio Stampa Teatro di Roma

Amelia Realino 06.684.000.308 ufficiostampa@teatrodiroma.net

Ufficio stampa Romaeuropa Festival

Tel. 06 45 55 3014

Massimo Pasquini: m.pasquini@romaeuropa.net

Matteo Antonaci: m.antonaci@romaeuropa.net cell. 3283397188

Giulia Di Giovanni: gdgpress@gmail.com cell. 3341949036

 

Alcune indicazioni sulle modalità di accesso agli spettacoli:

Per evitare code ed assembramenti, vi invitiamo a presentarvi presso il luogo dello spettacolo con largo anticipo, presentando il biglietto sul vostro telefono o altro dispositivo elettronico.

Potrà accedere in sala il pubblico munito di mascherina e con temperatura inferiore a 37.5.
Sullo spazio troverete i dispenser per l’igienizzazione delle mani
I posti in sala garantiscono il distanziamento interpersonale nel rispetto delle normative vigenti.

Per permetterti di godere le rappresentazioni al meglio e in totale sicurezza, in tutti i nostri teatri potrai scegliere se acquistare posti singoli o posti in coppia. Al momento dell’accesso in sala ti sarà richiesta un’ autodichiarazione:
– clicca qui per stampare il modello Posti singoli

– clicca qui per stampare il modello Posti congiunti 

Autore: Redazionale

Condividi