La petizione di Italia Viva per Cultura e Sport

, , ,   

La petizione di Italia Viva per Cultura e Sport

@ Chiara Marconi (26-10-2020)

I parlamentari di Italia Viva Mattia Mor, Luciano Nobili, Riccardo Nencini, Daniela Sbrollini e la sindaca Isabella Conti hanno lanciato una petizione per la riapertura dei teatri, dei cinema, delle palestre e piscine. L’unica forza politica italiana di maggioranza a battersi per un decreto anti-covid profondamente diverso da quello uscito dal Consiglio dei Ministri di domenica 25 ottobre, continua a dimostrare lucidità e lungimiranza sostenendo che, come dimostrano anche le statistiche, i luoghi di cultura e sport non sono all’origine della nuova ondata di contagi. Ben altri dovevano essere gli interventi per limitare la diffusione del covid, primo fra tutti il potenziamento del trasporto pubblico, continuamente e colpevolmente rimandato.

Isabella Conti

Cinema e teatri devono restare aperti, e anche palestre e piscine: la priorità adesso è limitare il contagio mettendo in campo tutte le misure possibili per contenere il diffondersi del Covid-19 in questa seconda ondata. È quanto si legge in una petizione lanciata da Italia Viva, a firma dei parlamentari Mattia MorLuciano NobiliRiccardo Nencini e Daniela Sbrollini, e della sindaca Isabella Conti.

“Proprio in virtù del fatto che questa è una seconda ondata e abbiamo imparato molte cose dalla prima, oggi serve intervenire con più  razionalità e con dati scientifici alla mano, calcolando i rischi di ogni singola attività umana e ascoltando gli esperti: in questo senso non possiamo condividere la scelta di chiudere luoghi di cultura come teatri e cinema, così come quelli di sport come palestre e piscine”, si legge nella petizione.

Mattia Mor

Luciano Nobili

“Nell’idea del chiudere tutto ciò che non è necessario, vogliamo davvero includere la cultura e il benessere dello sport? Questi sono luoghi di vita, passione e impegno umano ed economico che tutti i gestori e lavoratori di queste attività hanno investito per dimostrare di poter tenere aperto offrendo servizi preziosi in L’iniziativa di Isabella Conti, Mattia Mor, Luciano Nobili, Riccardo Nencini e Daniela Sbrollini, 26 ottobre 2020.

Cinema e teatri devono restare aperti, e anche palestre e piscine: la priorità adesso è limitare il contagio mettendo in campo tutte le misure possibili per contenere il diffondersi del Covid-19 in questa seconda ondata. È quanto si legge in una petizione lanciata da Italia Viva, a firma dei parlamentari Mattia MorLuciano NobiliRiccardo Nencini e Daniela Sbrollini, e della sindaca Isabella Conti.

Riccardo Nencini

Daniela Sbrollini

“Proprio in virtù del fatto che questa è una seconda ondata e abbiamo imparato molte cose dalla prima, oggi serve intervenire con più  razionalità e con dati scientifici alla mano, calcolando i rischi di ogni singola attività umana e ascoltando gli esperti: in questo senso non possiamo condividere la scelta di chiudere luoghi di cultura come teatri e cinema, così come quelli di sport come palestre e piscine”, si legge nella petizione.

“Nell’idea del chiudere tutto ciò che non è necessario, vogliamo davvero includere la cultura e il benessere dello sport? Questi sono luoghi di vita, passione e impegno umano ed economico che tutti i gestori e lavoratori di queste attività hanno investito per dimostrare di poter tenere aperto offrendo servizi preziosi in modo sicuro”, conclude la petizione. modo sicuro”, conclude la petizione.

Autore: Chiara Marconi

Condividi