Avventura e ingegneria genetica. ‘Genesis 2.0’ di Frei e Arbugaev arriva dal Sundance Festival nei cinema italiani il 24 settembre

,   

GENESIS 2.0

Un film di
Christian Frei e Maxim Arbugaev

Dal 24 settembre 2020 al cinema grazie a Trent Film

Realizzato dal regista e produttore svizzero Christian Frei, già candidato all’Oscar per il documentario “War Photographer”, e dal regista russo Maxim Arbugaev, il documentario “Genesis 2.0” è stato presentato nella sezione World Cinema Documentary al Sundance Film Festival.

Quali sono i limiti imposti all’uomo nella ricerca scientifica e qual è il prezzo da pagare se questi limiti venissero superati? Sono le domande che rimangono impresse dopo aver visto “Genesis 2.0”, che offre una panoramica singolare sul mondo della bioingegneria. Un documentario intrigante e suggestivo, capace di far riflettere sui risvolti etici delle nuove frontiere della biologia sintetica che potrebbero trasformare l’uomo in Creatore, delineando così un universo guidato dall’indomabile orgoglio umano che arriva a sfidare la Natura e le sue leggi.

Ogni estate decine di uomini lasciano i propri villaggi nell’estrema Siberia Settentrionale per mettersi in cammino verso luoghi selvaggi, ovvero le remote e disabitate Isole della Nuova Siberia. In questo inospitale arcipelago situato nell’Oceano Artico vanno alla ricerca del cosiddetto “oro bianco”, ovvero antiche zanne di mammut, un’operazione oggi sempre più facilitata dal riscaldamento globale che, provocando lo scongelamento del permafrost, porta alla luce un numero progressivamente maggiore di questi antichi fossili. Il ritrovamento di una carcassa eccezionalmente conservata attira l’attenzione di scienziati genetici, interessati alla clonazione di questi animali preistorici, fino a manipolare e persino creare la vita stessa. Riscaldamento globale e genetica, la prossima grande rivoluzione tecnologica, si incontrano così in “Genesis 2.0”, uno dei documentari più affascinanti e avvincenti mai realizzati.

SINOSSI
Sulle remote Isole della Nuova Siberia nell’Oceano Artico alcuni cacciatori vanno alla ricerca di zanne di mammut preistorici. Il ritrovamento di una carcassa eccezionalmente conservata richiama l’attenzione di scienziati genetici: la resurrezione del mammut sarebbe la prima manifestazione della prossima rivoluzione tecnologica.


Ilaria Di Milla
M. +39 349 3554470 
 
Deborah Macchiavelli 
M. +39 333 5224413
E. macchiavellideborah@gmail.com  

Autore: Redazionale

Condividi