Venezia 77 | Un tradimento di Stato: ‘Cari compagni!’ di Andrei Konchalovsky, in concorso

, ,   

Venezia 77 | Un tradimento di Stato: ‘Cari compagni!’ di Andrei Konchalovsky, in concorso

@ Lucia Tempestini (08-09-2020)

La struttura binaria di Cari compagni! permette al b/n documentaristico, e a una messa in scena che sembra adeguarsi alle modalità del cinema di propaganda post-Stalin, di incresparsi di vita e indignazione fino a diventare grido muto, gesto di composta ribellione verso un regime che predicando il Bene degli operai persegue in realtà il Male attraverso un inflessibile controllo sociale, mentre i prezzi si alzano e i salari diventano inadeguati al mantenimento delle famiglie.

La paura della fame mina dall’interno quel trionfalismo chiuso e austero che in ogni immagine si fa codice narrativo mistificatorio del potere e dei suoi organismi, mettendone in discussione etica ed estetica, edificante retorica propagandistica e repressione poliziesca. Il sentimento si apre un varco nella narrazione manipolatoria, il desiderio di proteggere la vita dei propri cari e di riprendersi la dignità portano allo sciopero di Novocherkassk, nel 1962, durante il quale il governo ordina di aprire il fuoco sui manifestanti. E’ una carneficina, le vittime vengono occultate in tumuli sotto falso nome, la città è sconvolta dagli arresti, da condanne sommarie e dal coprifuoco.

Agli avvenimenti assiste Lyudmila (toccante l’interpretazione di Julia Vysotskaya), militante del partito comunista dalla fede incrollabile, sprezzante nei confronti di ogni forma di dissenso politico. Il massacro cambierà per sempre la sua visione del mondo. Proprio in quei giorni drammatici scompare la figlia di Lyudmila (una ‘nemica del popolo’). La ricerca affannosa, tenace della donna – nonostante il blocco di Novocherkassk e il muro di gomma alzato dalle autorità – è senza dubbio la parte più intensa di un film esemplare nello svelamento dell’immoralismo ideologico.

In conferenza stampa il regista Andrei Konchalovsky ha dichiarato: Volevo fare un film sulla generazione dei miei genitori, quella che ha combattuto ed è sopravvissuta alla Seconda guerra mondiale con la certezza che si potesse morire “per la Patria, per Stalin” e con una fiducia incondizionata negli ideali comunisti: milioni di persone che cercavano di fondare una nuova società. Ho voluto ricostruire con la massima accuratezza un fatto realmente accaduto e un’epoca in cui la storia ha rivelato l’incolmabile divario fra gli ideali del comunismo e la drammatica realtà dei fatti. Questo film è un tributo alla purezza di quella generazione, ai suoi sacrifici e alla tragedia che ha vissuto nel veder crollare i propri miti e traditi i propri ideali.

CARI COMPAGNI!

Regia: Andrei Konchalovsky
Produzione: Alisher Usmanov, Andrei Konchalovsky Studios (Andrei Konchalovsky)
Durata: 120’
Lingua: Russo
Paesi: Russia
Interpreti: Julia Vysotskaya, Vladislav Komarov, Andrei Gusev, Yulia Burova, Sergei Erlish
Sceneggiatura: Andrei Konchalovsky, Elena Kiseleva
Fotografia: Andrey Naidenov
Montaggio: Sergei Taraskin, Karolina Maciejewska
Scenografia: Irina Ochina
Costumi: Konstantin Mazur
Suono: Polina Volynkina
Effetti visivi: Alexander Serkov, Simon Assekritov

Autore: Lucia Tempestini

Condividi