‘Taglio corto’, rassegna gratuita di corti online LGBT, dal 2 al 6 settembre

  

TAGLIO CORTO

Rassegna gratuita di corti online del Coordinamento

dei Festival italiani di cinema LGBTQ

Dal 2 al 6 settembre 2020

 

 

Dal 2 al 6 settembre sarà disponibile su Vimeo una rassegna gratuita di corti, selezionati dai nove festival del Coordinamento dei Festival Italiani di Cinema LGBTQ, per raccontare – con il linguaggio cinematografico e per la prima volta assieme – le storie, le vicende e i personaggi di quel variegato mondo che ruota attorno alle differenze legate agli orientamenti sessuali e alle identità di genere.

QUI IL LINK PER LA VISIONE GRATUITA 

SU VIMEO ON DEMAND!

https://vimeo.com/ondemand/tagliocorto

NOTE SULLA VISUALIZZAZIONE GRATUITA DEI CORTOMETRAGGI 

Puoi visualizzarei film dal 2 settembre al 6 settembre 2020 unicamente dal territorio italiano.

La visione è gratuita: sulla pagina Vimeo on Demand appare il costo di 5 euro ma viene applicato automaticamente uno sconto che lo azzera (promo code).

Se non hai mai utilizzato Vimeo ti verrà chiesto di registrarti inserendo nome, cognome, un indirizzo e-mail e una password e cliccare “Join with email”; in alternativa puoi registrarti direttamente tramite Facebook o Google. Ti consigliamo di togliere la spunta a “I agree….” preselezionata. Se possiedi già le credenziali puoi accedere a Vimeo tramite campo “Login” in alto a destra. Se le credenziali in tuo possesso sono memorizzate dal browser ti ritroverai direttamente alla pagina del corti. Si aprirà poi una seconda finestra in cui bisognerà selezionare “Watch now”.

IL COORDINAMENTO DEI FESTIVAL ITALIANI DI CINEMA LGBTQ

           

Il Coordinamento dei Festival Italiani di Cinema LGBTQ è composto da: Bari International Gender Film Festival (Bari), Festival Mix Milano (Milano), Florence Queer Festival (Firenze), Gender Bender (Bologna), Immaginaria International Film Festival of Lesbians & Other Rebellious Women (Roma), Orlando Identità Relazioni Possibilità (Bergamo), Sardinia Queer Film Festival (Cagliari), Sicilia Queer filmfest (Palermo), Some Prefer Cake Bologna Lesbian Film Festival (Bologna).

I Festival che costituiscono il Coordinamento si svolgeranno nelle seguenti date:

– Gender Bender (Bologna), 7-18 settembre 2020

– Sicilia Queer Filmfest (Palermo), 15-20 settembre 2020

– Festival Mix Milano (Milano), 17-20 settembre 2020

– Some Prefer Cake Bologna Lesbian Film Festival (Bologna), 19-26 settembre 2020

– Immaginaria International Film Festival of Lesbians & Other Rebellious Women (Roma),1-4 ottobre 2020

– Sardinia Queer Film Festival (Cagliari), 12-24 ottobre 2020

– Florence Queer Festival (Firenze), 13-18 ottobre 2020

– Orlando Identità Relazioni Possibilità (Bergamo), 5-8 novembre 2020

– Bari International Gender Film Festival (Bari), 5-12 dicembre 2020

I CORTOMETRAGGI

Is Your Teen a Homosexual? di Tamara Scherbak (Canada 2018, 6′) v.o. inglese, sott. italiano.

Breve commedia allegorica che prende in giro l’America di Trump usando lo stile dei film educativi sull’igiene degli adolescenti degli anni ’50. Il protagonista Johnny confessa alla famiglia di essere gay e scopre che i pregiudizi e gli stereotipi sono più forti dei legami familiari.

Pink Boy di Eric Rockey (USA 2015, 15′) v.o. inglese, sott. italiano.

Il ritratto privato di Jeffrey, bambino di sei anni adottato da una coppia lesbica, che ama vestirsi da donna e da grande vuole diventare una ragazza.

Amateur di Simone Bozzelli (Italia 2019, 15′) v.o. italiano, sott. inglese.

In un caldo pomeriggio Serena aiuta Christopher a studiare tedesco ma lui, annoiato, preferisce riprenderla con il suo cellulare. Lei non vuole ma a lui piace, lo fa ridere, soprattutto quando Serena fa il maialino. E quando Christopher ride lei è felice. Attraverso quel gioco, i due si avvicinano e scoprono un’intimità inaspettata.

Marguerite di Marianne Farley (Canada 2017, 19′) v.o. francese, sott. Italiano.

Da diversi anni Marguerite, una donna diabetica sui settant’anni, riceve le visite giornaliere di Rachel, la sua infermiera a domicilio. A dispetto delle sue condizioni di declino, Marguerite emerge gradualmente dalla sua solitudine mentre sperimenta sensazioni di tenerezza e sensualità, sotto le cure di Rachel. Scoprire poi che la sua infermiera è lesbica porterà Marguerite a dissotterrare desideri e passioni mai ammessi.

Un’ultima volta di Charlie Carlotta Benedetti (Italia 2018, 23′) v.o. italiano.

Elisa è una fotografa di successo, Claudia ha iniziato la carriera come cantautrice, poi ha lasciato perdere. Ora sta scrivendo un libro sulla sua esperienza, ma portarlo a termine è un’impresa durissima. La fine di una relazione è sempre segnata da un ultimo memorabile scontro, un ultimo indimenticabile vaffanculo. Elisa e Claudia non si appartengono più ma allo stesso tempo vogliono trattenere per sempre quest’ultima volta.

The Plunge di Simon Ryninks (Regno Unito 2018, 10′) v.o. inglese, sott. italiano.

Una coppia affiatata, un incontro romantico, un dopocena decisamente inaspettato. Commedia piccante e scanzonata, capace di giocare con arguzia con i limiti e i tabù della sessualità eteronormata.

Juck di Olivia Kastebring, Julia Gumpert, Ulrika Bandeira (Svezia 2017, 17′) v.o. svedese, sott. italiano.

Cos’è la femminilità? Ibrido tra documentario e finzione, il film raffigura il gruppo di danza tutto al femminile JUCK, parola svedese che significa “sbattere, scopare”. JUCK ridefinisce i confini di come siamo abituate a vedere il corpo femminile, mette in dubbio i ruoli dell’oggetto e del soggetto provocando, ispirando e rompendo le regole.

Pepitas di Alessandro Sampaoli (Italia 2018, 8′) v.o. italiano, sott. inglese.

Lino è un giovane impiegato che di notte veste segretamente i panni di una drag queen, finché una sera non può più nascondersi da sua nonna. Come la prenderà?

The Drum Tower di Popo Fan (Cina 2018, 18′) v.o. cinese, sott. italiano.

Nel 2017 l’amministrazione di Pechino decide d’intervenire sugli immobili abusivi a uso commerciale, sigillando porte e finestre con mattoni che trasformano gli animati locali di prima in desolati muri. Il negozio della signorina Mi è uno dei pochi a resistere. In questo contesto lo studente Kacchan fotografa gli interventi edilizi e registra i mutamenti del quartiere, ma l’incontro con la signorina Mi desterà la sua curiosità. L’evoluzione urbana e sociale della Cina s’intreccia con l’incontro dei due personaggi in una commistione di realtà filmata, streaming live, fumetto e performance musicale.

Autore: Redazionale

Condividi