Il veleno di Bernhard. ‘Estinzione’ nella collana gli Adelphi

,   

 

Thomas Bernhard

Estinzione

Traduzione di Andreina Lavagetto
gli Adelphi, 593
2020, pp. 493
isbn: 9788845934988
Temi: Letterature di lingua tedesca

 

Léon Spilliaert, Tronchi di faggio (1945). Collezione privata.

 

«L’atmosfera è così folta di ossessioni, di fantasmi e di odio, il ritmo è così affannato e trafelato, da suscitare in noi eccitazione e inquietudine. Ogni istante, subiamo una specie di contagio. Così non ci resta che avanzare molto lentamente in questo bellissimo libro: come se prendessimo un veleno, che a dosi più forti potrebbe esserci mortale. Se vogliamo comprendere chi parla, racconta, blatera, insulta, fantastica, divaga, delira nelle cinquecento pagine di Estinzione, dobbiamo immaginare che Franz Josef Murau non è nato, ma è stato gettato nel mondo, come una figura gnostica, dopo aver commesso qualche peccato innominabile … Come Dostoevskij, al tempo delle Memorie del sottosuolo, Thomas Bernhard pensa che l’artista debba travestirsi da ossesso: soltanto l’ossessione ci consente di distruggere le folte difese che nascondono la verità, e di penetrare là in fondo, nell’abisso, dove vive il segreto. Solo il fuoco, il gelo, la terribile “arte dell’esagerazione”, ci permettono di scrivere libri degni di questo nome».

PIETRO CITATI

Autore: Redazionale

Condividi