Roma Teatro India 27-28 febbraio | Grandi Pianure: Shadows of Tomorrow, coreografia Ingri Fiksdal

  

TEATRO INDIA

27 ● 28 febbraio 2020 / Grandi Pianure

Nella Sala Oceano Indiano il talento norvegese Ingri Fiksdal

porta in scena un concerto psichedelico senza musica, un’esperienza percettiva

dove il pubblico si immerge in un gioco di luci, corpi e ombre. Shadows of Tomorrow,

misteriosa e liquida creazione coreografica con il coinvolgimento di venti performer locali.

Shadows of  Tomorrow

coreografia Ingri Fiksdal

performer Pernille Holden, Sigrid Hirsch Kopperdal, Venke Sortland, Marianne Skjeldal
disegno luci Ingeborg Olerud – costumi Ingri Fiksdal, Elena Becker e Signe Vasshus
Produzione Nicole Schuchardt – amministrazione Eva Grainger
Con il sostegno di The Norwegian Arts Council e The Norwegian Artistic Research Program

ringraziamenti Skolen for Samtidsdans, Det Andre Teatret, Black Box Teater, Dansens Hus e Kunsthøgskolen i Oslo

Lo spettacolo prevede un laboratorio (dal 23 al 26 febbraio) condotto da Ingri Fiksdal

con venti performer locali per la messa in scena di Shadows of Tomorrow

Gli appuntamenti con la danza di Grandi Pianure proseguono con un’esperienza di permeabilità tra pubblico e performer nel dispositivo della coreografa Ingri Fiksdal, talento norvegese che porta in scena Shadows of Tomorrow con il coinvolgimento di venti performer locali, giovedì 27 e venerdì 28 febbraio (ore 21) nella Sala Oceano Indiano (ex foyer Sala A) del Teatro India.

Shadows of Tomorrow ricrea in palcoscenico un concerto psichedelico senza musica, dove il pubblico si immerge in un gioco di luci, corpi e ombre. Il pubblico è, infatti, invitato ad aggirarsi liberamente nello spazio, vicino e anche in mezzo ai performer, divenendo parte integrante di questa esperienza percettiva e immersiva che utilizza esclusivamente corpi in movimento e luce, senza alcuna colonna sonora.

Shadows of Tomorrow è un poema di Sun Ra che dà il titolo a uno dei brani di Madvillainy di Madvillain, disco fondamentale dell’hip hop psichedelico, di cui la coreografia ricalca la struttura compositiva, a partire dalla ritmica che si stratifica all’interno dei corpi nello spazio. Quella a cui assistiamo è una performance di lunga durata, disegnata per un cubo bianco e per venti interpreti. Le quattro pareti dello spazio servono da sfondo in movimento della coreografia, pertanto il pubblico può accedere allo spazio a proprio piacimento, contribuendo alla creazione del gioco d’ombre sulle pareti.

Lo spettacolo si inserisce nell’ambito di Grandi Pianure, il progetto del Teatro di Roma dedicato alla coreografia contemporanea a cura di Michele Di Stefano, confermando l’attenzione alla ricerca e all’indagine corporea attraverso la capacità della danza di stimolare il dibattito sulla contemporaneità, non solo negli esiti spettacolari ma anche nei processi che costituiscono il suo farsi, dalla modalità di fruizione dello spettacolo all’offerta di pratiche ed esperienze collaterali. Infatti, Shadows of Tomorrow prevede la partecipazione di venti performer locali attraverso un laboratorio condotto dalla stessa Ingri Fiksdal (dal 23 al 26 febbraio), un’occasione di apertura e relazione verso una prossimità sempre più permeabile tra artista e spettatore. Grandi Pianure offre questa prossimità tra tutte le arti dal vivo, oblique ad ogni genere, affidata interamente al corpo: un’attitudine immersiva e pervasiva attraverso pratiche e riflessioni declinati con diversi formati, che sono modi differenti di far durare l’emozione dell’incontro con il pubblico.

Ingri Fiksdal è una coreografa norvegese con base a Oslo, dove ha ultimato il PhD in ricerca artistica della Oslo National Academy of the Arts, con il progetto Affective Choreographies. Il focus della sua ricerca è l’esplorazione della coreografia come campo potenziale di alterazioni, stati modificati ed esplorazioni cognitive, nella ferma convinzione che l’arte sia un propulsore del cambiamento e possa sfuggire ad ogni definizione di utilità interrogandosi sull’ignoto e l’imprevedibile, rivendicando una liminalità quanto mai attuale. Tra i lavori più recenti di Ingri Fiksdal si segnalano Diorama (2017), STATE (2016) e Cosmic Body (2015), presentati in Norvegia ed Europa, Stati Uniti e Cina. Dal 2016 al 2020 l’artista riceve il sostegno dell’APAP-Performing Europe 2020 – progetto fondato dal Creative Europe Programme dell’Unione Europea. Il suo lavoro viene regolarmente sostenuto dal Norwegian Arts Council.

Autore: Redazionale

Condividi