C’era una volta Bianca…”Sempre tua” al Roots di Catania

,   

C’era una volta Bianca…”Sempre tua” al Roots di Catania

@ Anna Di Mauro (20-02-2020)

Catania – Tua…tra le braccia tue…una canzone degli anni ‘60 romanticamente sensuale… Sempre tua… così si chiudevano un tempo le appassionate lettere d’amore. E’ questo intimo “Tua” a echeggiare, ma sinistramente in “Sempre tua”, monologo tragicomico, fluttuante dal rosa al nero, scritto e interpretato da Antonella Caldarella che sul palco di Roots, nelle bianche vesti di Bianca, ci racconta la sua storia d’amore che comincia come una fiaba. Da bambina la mamma e la nonna le raccontavano storie come quella di Barbablù… crescendo incontra il suo primo amore. La “fuitina”. Il matrimonio, sogno di Bianca e della madre. Ma il bianco velo da sposa la avvolge in una felicità precaria, destinata a dileguarsi con il primo schiaffo ben assestato dal marito che presto si rivelerà violento e alcolizzato. Il finale è un rituale ormai tristemente conosciuto, con un imprevedibile scarto nel mondo del paranormale, sfumato verso una solidarietà femminile che emoziona e commuove. Ridiamo con Bianca che con vago accento siculo rispolvera i suoi ricordi, trepidiamo per lei alle prime avvisaglie di un dramma che si consuma tra le pareti domestiche, tremiamo nel vederla succube e sottomessa, soffriamo nell’assistere agli epigoni di un destino annunciato. Guerriera di luce, la Caldarella, costantemente impegnata a denunciare il male del mondo irrorato da un getto di speranza, qui invoca la forza della donna-costruttore, offrendo una prospettiva inquietante, ma capace di sciogliere i lacci in cui ci dibattiamo. Un invito a sperare nel cambiamento. Delicata, tenera e intensa, tra un sorriso e una lacrima, la pièce è dedicata a tutte le donne vittime di violenza domestica. L’argomento ormai largamente trattato e rappresentato, in “Sempre tua” risuona fresco e coinvolgente, grazie alla sincera e calda partecipazione dell’aut-attrice che con apparente leggerezza e semplicità declina una storia terribile, sublimando l’orrore in poesia. La metamorfosi di Bianca sollecita un brivido che fa riflettere sulla grande bellezza del mondo d’amore delle donne.

SEMPRE TUA

Di e con Antonella Caldarella

Musiche originali di Steve Cable

Produzione Argentum Potabile

Al Teatro Roots di Catania

Autore: Anna Di Mauro

Condividi