Teatro di Roma: assegnazioni definitive per la programmazione e gestione triennale di Quarticciolo, Tor Bella Monaca e Villa Pamphilj

  

Teatri in Comune, le assegnazioni definitive per la programmazione e gestione triennale di Quarticciolo, Tor Bella Monaca e Villa Pamphilj.

 

Roma, 3 febbraio 2020 – Aggiudicate le assegnazioni del bando di gara rivolto ai Teatri in Comune di Roma Capitale, che individuano i gestori della programmazione artistica e culturale e dei servizi connessi agli spazi del Teatro Biblioteca Quarticciolo, Teatro Tor Bella Monaca e Teatro Villa Pamphilj, per il triennio 2020-22.

Sono affidatari per il Teatro Biblioteca Quarticciolo l’Associazione culturale E.D.A. e SpellBound; per il Teatro Tor Bella Monaca l’Associazione culturale SevenCults e Teatro Potlach; per il Teatro Villa Pamphilj l’Associazione culturale Teatro Verde – N.O.B. e Scuola popolare di musica Donna Olimpia.

Per la prima volta, l’affidamento triennale permetterà di programmare e gestire i tre spazi della rete dei Teatri in Comune per un periodo più esteso rispetto alle precedenti assegnazioni. Iltriennioavrà, infatti,termineil31 dicembre 2022.

Roma Capitale e Teatro di Roma sostengono insieme la rete dei Teatri in Comune, consolidando una collaborazione reciproca, sempre più stretta e sinergica, e che metta in diretta connessione le sale dello Stabile capitolino – Argentina, India, Torlonia e Lido – con i tre spazi teatrali diffusi sul territorio cittadino. Su questa linea diventa ancora più incisivo l’impegno del Teatro di Roma a rafforzare e rivitalizzare la relazione con i Teatri in Comune per un progetto unico fra teatri, con proposte diverse ma intercambiabili, in grado di creare luoghi di confronto e accoglierne le pluralità di pensiero e di pubblici.

«Nel viaggio attraverso Roma che il nostro teatro intende compiere, sono importanti i Teatri in Comune, luoghi di irradiazione di energie artistiche e culturali– commentano il presidente Emanuele Bevilacqua e il direttore Giorgio Barberio CorsettiSiamo felici di aver realizzato con la nostra Amministrazione un bando che dà la possibilità di programmare e gestire i Teatri in Comune per tre anni. Il nostro obiettivoper il prossimo triennio sarà caratterizzato dalla sinergia tra tutti i teatri che compongono la rete, nel rispetto delle specifiche identità e missioni. La volontà è di aprirsi verso la città, di stimolare la partecipazione di pubblici diversi attraverso progetti ed eventi che, dalle storiche sale del Teatro Argentina e del Teatro India, coinvolgano anche i Teatri in Comune, i quartieri dove sono collocati, contribuendo a diffondere l’arte del teatro e renderla pervasiva su tutto il territorio romano».

 

Autore: Redazionale

Condividi