Mani che danzano per il “pas de deux” senza tempo di Emma Scialfa

, ,   

Mani che danzano per il “pas de deux” senza tempo di Emma Scialfa

@ Anna Di Mauro (12-01-2020)

Catania – Per AltreScene, rassegna di teatro contemporaneo al Centro Zo, l’atteso “Hands on” di Emma Scialfa, spettacolo di danza in prima assoluta, raffinato, elegante, essenziale e corposo nei suoi accesi simbolismi, segna il ritorno sul palco dopo dieci anni della danzatrice siciliana dal forte carisma, capace di emozionare creando atmosfere di bellezza materica e spirituale di forte suggestione. Protagoniste incontrastate di questo studio sono le mani, offerte nella loro versatilità sonora, visiva, esistenziale del gesto sonoro. La mano è il simbolo dell’evoluzione dell’uomo, la conquista del mondo tecnologico, creativo, affettivo. La danza proposta dalla Scialfa che ne è l’autrice, la regista e l’interprete, affiancata dal poderoso danzatore Marius Moguiba, sostenuti dal pregevole tappeto sonoro delle musiche eseguite dal vivo da Paolo Sorge alla chitarra e Fabrizio Puglisi al pianoforte, svincolata da schemi narrativi, risuona dell’affascinante ricerca del potenziale sonoro, tattile, figurativo della mano, sul corpo, nello spazio, in interazione costante con l’Altro da sé, tra elastici, corde, video, sfuggendo alla banalità e all’inconsapevolezza del suo uso abitudinario che ne ottunde lo spessore e la centralità. La creazione artistica della Scialfa ci riconduce meritoriamente all’essenza di ciò che siamo: non solamente corpi nello spazio fisico bensì materia spirituale e sentimento. Gestualità precise, misurate, onuste di significati profondi riportati alla luce, dialogano con i musicisti in un ensemble ricco e articolato. In questa asciutta rievocazione di riti ancestrali, tra percussioni e gesti in action la filogenesi e l’ontogenesi si incontrano in una linea di confine che parte dal percuotersi solitario dei danzatori per divenire un intenso, toccante abbraccio che accoglie e contiene i due esseri. Lo spettacolo, ideato nella piena maturità della Scialfa, un progetto in residenza presso Zo centro culture contemporanee, si evidenzia per la cura dei particolari, l’esecuzione impeccabile, la perizia con cui viene sottolineata abilmente la possibilità di andare oltre, attraverso il dialogo dei corpi, possente quello di Moguiba, morbido e scattante quello della Scialfa, nel risalto di luci artate che ne esaltano la magia, come nel piccolo omaggio all’illusionario mondo dei Momix, o nell’immagine proiettata di una mano sottile, inequivocabilmente inquietante, sullo sfondo della scena. Così Emma Scialfa, coreografa, danzatrice, operatore culturale, direttore di Motomimetico, già danzatrice e docente presso il Teatro Verdi di Pisa, diretto da Micha Van Hoecke, ritornata alla Sicilia e alle scene con le sue danze sperimentali, concettuali, provocatorie, incanta, instillando nello spettatore quel dubbio cartesiano misto a stupore che stimola aperture verso altre dimensioni dell’Essere.

HANDS ON

Concept, regia e danza di Emma Scialfa

Con

Emma Scialfa, Fabrizio Puglisi, Paolo Sorge, Marius Moguiba

Disegno Luci Aldo Ciulla

Video e costumi Anthea Ipsale

Produzione Motomimetico- Doppia i Edizioni musicali

Progetto in residenza Zo centro culture contemporanee

Al Centro Zo di Catania

Autore: Anna Di Mauro

Condividi