Conflitti & matrimoni nella società russa di fine ‘800

,   

Conflitti & matrimoni nella società russa di fine ‘800

@ Anna Di Mauro (30-12-2019)

Catania – Saccheggiati e largamente rappresentati, “L’orso” e “La domanda di matrimonio”, costituiscono un binomio pressochè indissolubile della vasta produzione del grande drammaturgo russo; brevi ritratti della società russa legati dal tema comune del matrimonio di convenienza e da uno sguardo attento alle convenzioni, messe in ridicolo dai tratti salienti con cui Cechov dipinge l’avida borghesia rurale, attenta più al denaro che ai sentimenti.

Le figure esasperate fino al grottesco della vedova inconsolabile, ma non troppo, in duello col rozzo e attempato uomo di campagna, ex ufficiale di artiglieria, ne “L’Orso”, e dei ruspanti fratello e sorella piccoli possidenti terrieri, in conflitto di interessi con il loro altrettanto ridicolizzato vicino de “La domanda di matrimonio”, vengono impudicamente scoperte con feroce maestria dall’autore che espone i vizi e le miserie di una classe sociale stretta tra insufficienze e fragilità, inesorabilmente debordante nella sua vera, meschina natura accecata dai bisogni materiali. Il tema del degrado morale, sempre attuale, si sarebbe prestato a un’interessante rappresentazione contemporanea, ma la scelta registica di Filippo Brazzaventre ha mantenuto i tempi e l’ambientazione originaria. A cavalcare le due tigri una coppia collaudata di attori dalla disinvolta maturità interpretativa, lo stesso Brazzaventre e Debora Bernardi, affiancati dalla complice vivacità di Aurelio Rapisarda, dando spazio al testo con gusto retrò.

Un’occasione per gustare l’ironia dell’autore de “Il gabbiano” e di tante altre importanti opere teatrali in due piccoli ma significativi tasselli della sua produzione, ai limiti del grottesco, nella denuncia della decadenza morale russa alla quale il drammaturgo non risparmiò mai i suoi strali.

 

L’ORSO

LA DOMANDA DI MATRIMONIO

Di Anton Cechov

 

Regia di Filippo Brazzaventre

 

Con Filippo Brazzaventre , Debora Bernardi, Aurelio Rapisarda

 

Scenografia Valerio Santi

Costumi Costumeria L’Istrione

Produzione Teatro L’Istrione

 

Al Teatro L’Istrione di Catania

Autore: Anna Di Mauro

Condividi