Macro Asilo Roma 13-15 dicembre | ‘Concerto con Leucò’ di Agnese Ricchi

, ,   

Da venerdì 13 a domenica 15 dicembre 2019, ore 18.00

MACRO ASILO- MUSEO D’ARTE CONTEMPORANEA ROMA

Roma – Via Nizza, 138 / Via Reggio Emilia, 54- INGRESSO GRATUITO

Ganesh Produzioni

presenta:

CONCERTO CON LEUCÒ

IBRIDAZIONE TRA TEATRO E INSTALLAZIONE VIDEO-SONORA

Progetto ideato e realizzato da Agnese Ricchi

INTERPRETI:

Agnese Ricchi nei ruoli di Circe, Britomarti e Leucotea

Cristina Golotta nei ruoli di Leucotea, Saffo e Ariadne

Installazione Video-Sonora Agnese Ricchi | Costumi Gino Zampaglioni | Tecnico suono e immagini Claudio Milana

Miti, sessualità, soprannaturale, un viaggio sensoriale nel mondo di Cesare Pavese

Da venerdì 13 a domenica 15 dicembre alle ore 18.00, presso il Macro Asilo – Museo d’Arte Contemporanea in Via Nizza, avrà luogo “Concerto con Leucò”, un’opera multimediale ideata e realizzata da Agnese Ricchi che fonde un’installazione video-sonora al teatro dal vivo in uno spazio vuoto: sul fondale procede senza sosta l’installazione, frutto di stratificazioni di immagini e suoni, che incombe come un terzo personaggio per tutto il tempo e con cui due attrici, vestite di bianco (Agnese Ricchi e Cristina Golotta), interpretano tre dialoghi estratti dai Dialoghi con Leucòdi Cesare Pavese, un’affabulazione neofantastica e autobiografica, che rivela i pensieri più intimi, i sogni ed i turbamenti dell’autore.

Nella performance i movimenti delle attrici, marcati e stilizzati, seguono quattro proiezioni che appaiono, scompaiono, si sovrappongono in un continuo gioco di spazi-luce. Le due recitano tre dialoghi come in un concerto, supportate dal microfono e il suono, esibendosi in una prosa prima lirica, poi grottesca, fino al raggiungimento di note intime e naturali.

Il primo dialogo, tra Circe e Leucotea, dal titolo “Le Streghe”, vede Circe maga immortale che tutto conosce e da nulla è sorpresa, rivela a Leucotea come Odisseo attraverso la parola e il ricordo, è riuscito a renderla mortale anche solo per un istante; il secondo, tra Saffo e Britomanti s’intitola “Schiuma d’Onda”, e vede entrambe ritrovarsi in acque greche, trasformate in schiuma di onda a causa della loro volontà di spiccare il volo e di morire suicide, un destino che le accomuna ma che non le rende uguali, dato il fato mortale di Saffo e quello divino di Britomarti; infine il terzo dal titolo “Vigna”,che vede protagonisteAriadne e Leucotea, con quest’ultima che annuncia alla principessa cretese che è stata abbandonata da Teseo dopo l’avventura del labirinto, a cui seguirà l’arrivo di Dioniso che come il vento, la trasporterà con lui in cielo tra le costellazioni.

“Dialoghi con Leucò”, di Cesare Pavese, si compone di 27 brevi racconti in prosa, una raccolta che nella sua struttura ricalca i “Petits poèmes en prose” di Charles Baudelaire, autore amato da Pavese che al suo testo consegna private ed emozionanti confessioni su alcuni dei punti fermi del suo lavoro letterario, quali il suicidio, l’abbandono, la morte e l’immortalità. Uno scritto che testimonia la capacità di Pavese di mitizzare sé stesso, dipingendo la propria personale quanto fantasiosa biografia in cui i personaggi da lui descritti, altro non sono se non degli alter ego, spiriti custodi della propria e consapevole coscienza inquieta e nelle cui gesta e parole, si ritrova la prova certa della continua ricerca che lo scrittore fa di sé. Un’evocazione della vita passata e di quella presente, impressa tra le righe come il caos perenne che da sempre lo ha abitato e che ora è mostrata al pubblico come una orrorifica realtà.

Al suo percorso di formazione artistica, che parte da una preparazione pittorica, da allieva del maestro Enzo Brunori presso l’Accademia di Belle Arti di Roma, Agnese Ricchi lega lo studio teatrale attoriale con i registi Aldo Trionfo, Lorenzo Salveti, Luca Ronconi e Andrea Camilleri diplomandosi presso l’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico. E’ proprio grazie a questi incontri che approfondisce la profonda relazione tra la parola e la scena. Dopo un percorso sperimentato in teatro e nell’arte visiva, nasce il progetto “Concerto con Leucò”, un’elaborazione che affonda la sua ispirazione nella potente penna di Cesare Pavese. Una performance in grado di metterci in contatto con le nostre origini attraverso la trasposizione di antichi rituali, o raccontandoci di sessualità, bestialità e soprannaturale, mostrandoci l’uomo nel suo stato selvaggio, malefico e benefico insieme, bestiale e divino all’unisono. Così, l’uomo è disegnato in tutta la sua mostruosa contemporaneità, con i suoi stati animali e quelli più aulici, mai cambiato e immune alla storia ed al trascorrere del tempo.

 

 

CONCERTO CON LEUCÒ

INGRESSO GRATUITO, da venerdì 13 fino a domenica 15 dicembre 2019. Inizio performance: ore 18.00,

presso ilMacro Asilo – Museo d’Arte Contemporanea Roma, in Via Nizza 138 / Via Reggio Emilia 54

(Zona Nomentana – Metro e Bus al Link: https://www.museomacro.it/pagine/visita-dove-siamo

Performance artistico-teatralea cura dell’artistaAgnese Ricchi

INFOMuseo:https://www.museomacro.it/INFO Agnese Ricchi:http://www.agnesericchi.com/

 

Ufficio Stampa Carla Fabi Roberta Savona
Carla:carla@fabighinfanti.it
, 338 4935947 – Roberta: savonaroberta@gmail.com , 340 2640789
FB: https://www.facebook.com/UfficioStampaFabiSavona/ – IG:https://www.instagram.com/ufficiostampafabisavona/?hl=it

Autore: Redazionale

Condividi