Fuori dal mondo. ‘Aspromonte’ di Mimmo Calopresti, con Valeria Bruni Tedeschi, al cinema dal 21 novembre

,   

Fuori dal mondo. ‘Aspromonte’ di Mimmo Calopresti, con Valeria Bruni Tedeschi, al cinema dal 21 novembre

@ Simona Almerini (19-11-2019)

Il film è ambientato negli anni ’50 ad Africo, un paesino dell’Aspromonte dove non c’è elettricità e nemmeno una strada che metta in comunicazione gli abitanti con il resto del mondo. E sono proprio questi ultimi, esasperati dalle loro condizioni disumane, a decidere di costruirne una con le loro stesse mani, mettendosi contro il Prefetto e anche il “boss” del paese.

Aspromonte non ci racconta solo un mondo perduto che non esiste più, ma anche qualcosa del presente. Questo paesino, che lotta per la propria sopravvivenza potrebbe essere una qualunque comunità del sud del mondo dove mancano i servizi primari. Ci parla anche della dignità degli ultimi, che pur scalzi non si piegano alla paura suscitata dalla violenza del potere.

Il regista ha dichiarato che le maestre dei paesini in cui giravano stavano scioperando perché i bambini non erano in numero sufficiente per avviare le classi e contemporaneamente, a pochi chilometri di distanza, c’erano bimbi stranieri bloccati in mare. La realtà del presente quindi si è mischiata con la finzione del passato creando un’osmosi inaspettata che sul set ha creato un’atmosfera particolare.

Il film comprende un cast importante con attori e attrici dotati di una forte personalità, tra i quali spiccano Valeria Bruni Tedeschi e Marcello Fonte. La prima, attrice feticcio di Mimmo Calopresti (ricordiamo che hanno girato insieme quattro film tra cui La seconda volta e La parola amore esiste) e regista originale, interpreta Giulia, una maestra del nord che arriva in Aspromonte per trovare gente più infelice di lei. Piano piano però si rende conto che queste persone hanno un forte senso di appartenenza che permette loro di sopravvivere in un luogo così bello ma anche così impervio. Forse Giulia non ha trovato quello che immaginava, ma sicuramente alla fine del film è un po’ meno infelice.

Marcello Fonte invece, protagonista di Dogman, film con il quale ha vinto il Prix d’interprétation masculine al Festival di Cannes 2018, interpreta il Poeta, un uomo che si nutre di sogni e di versi e preferisce stare con i bambini piuttosto che con gli adulti, che lo considerano “lo scemo del villaggio”. Fonte, che per la fisicità e la semplicità quasi arcaica ricorda attori pasoliniani come Franco Citti e Ninetto Davoli, riesce sempre ad aggiungere ai suoi personaggi una spontaneità quasi introvabile nel cinema contemporaneo.

Aspromonte – La terra degli ultimi

Nazione:  Italia
Anno:  2019
Genere:  Drammatico
Durata:  89′
Regia:  Mimmo Calopresti
Cast:  Valeria Bruni Tedeschi, Marcello Fonte, Francesco Colella, Marco Leonardi, Sergio Rubini, Romina Mondello, Francesco Siciliano, Elisabetta Gregoraci, Fabrizio Gifuni, Carlo Marrapodi
Produzione:  Italian International Film, Rai Cinema
Distribuzione:  IIF – Italian International Film
Data di uscita:  21 Novembre 2019 (cinema)

Autore: Simona Almerini

Condividi