Lo schermo dell’arte Film Festival XII edizione, Firenze 12 – 17 novembre 2019, Highlights del programma

, ,   
LO SCHERMO DELL’ ARTE FILM FESTIVAL
12
ª EDIZIONE
Firenze, Cinema La Compagnia
12 – 17 novembre 2018
Alcuni highlights tra gli oltre venti film selezionati per l’edizione di quest’anno.

MARTEDì 12 NOVEMBRE
ORE 18:00

Palazzo Strozzi, Firenze
VISIO. Moving Images After Post-Internet 
Inaugurazione mostra
OPENING NIGHT MERCOLEDì 13 NOVEMBRE

ORE 18:00
No More Reality Whereabouts di Philippe Parreno, Francia, 2019, 89’
vo: inglese; st:italiano

Philippe Parreno artista tra i più radicali della sua generazione apre la XII edizione dello Schermo dell’arte con il suo nuovo progetto No More Reality Whereabouts, un evento straordinario e irripetibile concepito espressamente per la sala cinematografica che unisce cinema, musica dal vivo e performance.

ORE 21:00
Letizia Battaglia – Shooting the Mafia di Kim Longinotto, Irlanda, Stati Uniti, 2018, 94′
vo: italiano, inglese; st: italiano
Donna determinata e coraggiosa, Letizia Battaglia è una delle fotografe più conosciute del mondo. Il film, che ne traccia un intimo e fedele ritratto, la segue nel suo impegno per combattere il male di una città dalle mille contraddizioni, la sua amata Palermo.

GIOVEDì 14 NOVEMBRE

ORE 21:00
Making Manifesto di Cristian Pirjol, Germania, 2018, 37’
vo: tedesco; st: inglese, italiano
Prima italiana alla presenza dell’autore e di Julian Rosefeldt
Il film di Cristian Pirjol, che ha accompagnato l’intero processo della produzione di Manifesto, fornisce uno sguardo approfondito della fortunatissima opera di Julian Rosefeldt.

ORE 22:00
in collaborazione con Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci
Romanistan di Luca Vitone, Italia, 2019, 73′
vo: romanì, inglese; st: inglese, italiano
Prima mondiale alla presenza dell’artista
Il 25 maggio 2019 Luca Vitone, accompagnato da una troupe, è partito da Bologna alla volta di Chandigarh con l’obiettivo di ripercorrere a ritroso il viaggio intrapreso dal popolo Rom alla fine del primo millennio, nella loro emigrazione dall’India Nord Occidentale verso l’Europa.

VENERDì 15 NOVEMBRE

ORE 19:15
in collaborazione con Fondazione Palazzo Strozzi in occasione della mostra Natalia Goncharova. Una donna e le avanguardie, tra Gauguin, Matisse e Picasso
Beyond the Visible – Hilma Af Klint di Halina Dyrschka, Germania, 2019, 93’
vo: svedese, inglese, tedesco; st: inglese, italiano
Prima italiana
Rimasta nell’ombra durante tutta la sua vita, oggi Hilma af Klint sconvolge il mondo dell’arte con la sua opera straordinaria. Il film di Halina Dyrschka è il primo sulla sua vita e sul suo lavoro, sul ruolo delle donne nell’arte e sulla scoperta sconvolgente di uno scandalo artistico.

ORE 21:00
Welcome Palermo
 di MASBEDO, Italia, 2018-2019, 75’
vo: italiano; st: inglese
Prima mondiale alla presenza degli artisti
Nel 2018, in occasione di Manifesta 12 a Palermo, il duo artistico MASBEDO ha prodotto Videomobile trasformando un vecchio furgone in un “carro video”. Sorta di laboratorio mobile, questo curioso mezzo con un palco per performance e interviste è divenuto nei mesi della biennale un’installazione multi canale interattiva. Welcome Palermo, dedicato al rapporto della città siciliana con il cinema, è l’evoluzione di quel progetto.

SABATO 16 NOVEMBRE

ORE 17:30
Ettore Spalletti. di Alessandra Galletta, Italia, 2019, 89’
vo: italiano, inglese; st: inglese, italiano
Prima italiana alla presenza dell’autrice
L’autrice racconta con grande sensibilità una delle figure più influenti e riservate del panorama dell’arte contemporanea italiana e internazionale, il pittore e scultore Ettore Spalletti. All’indomani della scomparsa di questo meraviglioso maestro, il film è una testimonianza preziosissima della sua arte di spirito e luce.

ORE 20:15
Je te tiens di Sergio Caballero, Spagna, 2019, 21’
vo: spagnolo, francese; st: inglese, italiano
Prima italiana alla presenza dell’artista
Due donne, madre e figlia, a bordo di una vecchia Mercedes, parlano tra di loro coprendosi la bocca con le mani. Je te tiens è il primo film narrativo di Sergio Caballero, co-direttore del celebre festival Sónar di Barcellona, la cui prima versione era stata da lui realizzata per il teaser promozionale dell’edizione 2019 di quell’evento.

ORE 21:00
In collaborazione con American Academy in Rome e Black History Month in Florence
America di Garrett Bradley, Stati Uniti, 2019, sonoro, 30’
Prima italiana alla presenza dell’artista
In trenta minuti di immagini in bianco e nero, la regista intreccia alcune scene dell’inedito film muto Lime Kiln Club Field Day di Bert Williams con dodici suoi brevi cortometraggi ispirati a eventi e persone della storia afroamericana che sono nel tempo diventati “invisibili”.

DOMENICA 17 NOVEMBRE 

ORE 17:30
Triple-Chaser di Forensic Architecture, Regno Unito, 2019, 11’
vo: inglese; st: italiano
Prima italiana alla presenza di Robert Trafford
Il gruppo londinese candidato al Turner Prize nel 2018 torna con il progetto Triple Chaser, che prende il titolo dal nome di una granata di gas lacrimogeno. L’obiettivo della ricerca è quello di identificare le granate esaminando, attraverso una speciale tecnologia digitale, milioni di immagini condivise sul web così da conoscerne l’effettivo utilizzo contro la popolazione.

ORE 21:00
Nelson – Jorit e il condominio dei diritti di Omar Rashid, Italia, 2019, 32’
vo: italiano; st: inglese
Prima mondiale alla presenza dell’autore
Nel 2018 è stato commissionato allo street artist napoletano Jorit un grande murale per la facciata di un condominio in piazza Leopoldo, a Firenze. Il video registra le fasi dell’esecuzione e la maestria dell’artista, l’affabilità di Jorit nei confronti degli abitanti e le reazioni entusiastiche dei cittadini.

ORE 22:00
Cy Dear di Andrea Bettinetti, Italia, 2019, 92’
vo: italiano, inglese; st: italiano
Alla presenza dell’autore
Il film rende omaggio ad uno degli artisti americani più prolifici e influenti del XX secolo, Cy Twombly.

FOCUS ON JEREMY DELLER

Lo schermo dell’arte dedica il Focus 2019 all’artista britannico Jeremy Deller: attraverso il video, l’installazione e la performance una ricerca incentrata sulla cultura popolare e folk, sviluppando una narrativa ironica sospesa tra attualità e finzione, reale e immaginario. La forza del suo lavoro risiede nella capacità di utilizzare in maniera critica gli stereotipi diffusi nella società, specialmente quelli legati ai poteri politici, economici e religiosi.

GIOVEDì 14 NOVEMBRE
ore 15:30, Cinema La Compagnia
Festival Talk: Jeremy Deller in conversazione con Antonia Alampi

ore 18:45
Alla presenza dell’artista
English Magic, Regno Unito, 2013, sonoro, 14’
a seguire
Everybody in the Place: An Incomplete History of Britain 1984-1992, Regno Unito, 2018, 61’
vo: inglese; st: italiano

VENERDì 15 NOVEMBRE 
ore 17:30, Cinema La Compagnia
Putin’s Happy, Regno Unito, 2019, 40’
vo: inglese; st: italiano
Prima italiana alla presenza dell’artista
ore 22:40
The Bruce Lacey Experience di Jeremy Deller e Nicolas Abrahams, Regno Unito, 2012, 67’
vo: inglese; st: italiano

PROGRAMMA COMPLETO
Cinema La Compagnia
Firenze, Via Cavour 50 rosso
13 novembre
OPENING NIGHT
No More Reality Whereabouts | proiezione/live performance
Letizia Battaglia-Shooting the Mafia | proiezione
€ 10 intero, € 8 ridotto

dal 14 al 17 novembre
pomeridiano € 5 intero, € 4 ridotto
serale € 7 intero, € 5.50 ridotto
giornaliero € 10 intero, € 8 ridotto

dal 13 al 17 novembre
abbonamento € 40

 

Lo schermo dell’arte Film Festival 2019 è realizzato con il contributo di Regione Toscana, Comune di Firenze, La Compagnia / progetto realizzato nell’ambito del Programma Sensi Contemporanei Toscana per il Cinema, Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze con il patrocinio di Città Metropolitana di Firenze con il sostegno di In Between Art FilmFondazione Palazzo StrozziAccademia di Belle Arti di FirenzeInstitut Ramon Llull Sponsor ottod’AmeFamiglia CecchiFindomesticB&C SpeakersUnicoop FirenzeMercato Centrale Sponsor tecnici Golden ViewLungarno CollectionHotel Loggiato dei Serviti
In collaborazione con American Academy in Rome, Black History Month Florence, Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci, Istituto Marangoni Firenze, Palazzo Grassi – Punta della Dogana, Seven Gravity Collection.

 

Autore: Redazionale

Condividi