Dalla finzione scenica alla realtà del backstage. ‘Teatro Delusio’ dei Familie Flöz al Teatro Sala Umberto

,   

Dalla finzione scenica alla realtà del backstage. ‘Teatro Delusio’ dei Familie Flöz al Teatro Sala Umberto

@ Simona Almerini (06-11-2019)

Roma – I Familie Flöz, sono tornati in scena al Teatro Sala Umberto con Teatro Delusio, una produzione del 2004.

La storia è ambientata all’interno di un teatro e più precisamente dietro le quinte, dove interagiscono tecnici, attori e attrici. Dalla finzione scenica del palcoscenico (di cui si intravedono le luci) si passa alla realtà del backstage dove hanno luogo combattimenti, scene di seduzione, parti e perfino omicidi.

Come al solito è riduttivo descrivere la drammaturgia di uno spettacolo dei Familie Flöz, in quanto il suo fascino risiede proprio nella performance attoriale e nel ritmo, che risulta sempre perfetto. Tutte le entrate, le uscite, i salti e in generale i gesti sono perfettamente sincronizzati e soprattutto appaiono naturali, ricreando un effetto da comiche anni ’20. Inoltre c’è un evidente richiamo alla commedia dell’arte, le maschere indossate dagli attori infatti sono pezzi unici plasmati sulla fisicità della persona e sulle caratteristiche psicologiche del personaggio.

In scena non ci sono dialoghi ma soltanto musiche, tratte in prevalenza dalle arie delle opere liriche e dai balletti, una peculiarità che rende accessibili gli spettacoli in qualunque paese del mondo, indipendentemente dalla lingua e dalla cultura.

Ma ciò che contribuisce maggiormente al successo di Teatro Delusio sono i tre attori, che con la loro preparazione variegata (teatro di maschera, mimo, acrobazia, improvvisazione e danza) sono capaci di ricreare l’illusione di 29 personaggi in scena.

 

Teatro Delusio

Drammaturgia: Paco Gonzalez, Bjorn Leese, Hajo Schüler e Michael Vogel

Regia: Michael Vogel

Attori: Andres Angulo, Johannes Stubenvoll, Thomas van Ouwerkerk

Disegno luci: Reinhard Hubert

Maschere: Hajo Schüler

Costumi: Eliseu R. Weide

Direttore di produzione: Gianni Bettucci

Produzione: Familie Flöz, Theaterhaus Stuttgart, Arena Berlin

Autore: Simona Almerini

Condividi