Teatro Ambra Jovinelli, Roma. Dal 30 ottobre, Giuseppe Battiston in “Orson Welles Roast”. Regia di Michele De Vita Conti

  

Teatro Ambra Jovinelli di Roma

30 ottobre | 10 novembre 2019

 

Giuseppe Battiston in

Orson Welles Roast

scritto da Giuseppe Battiston, Michele De Vita Conti

musica originale Riccardo Sala

regia Michele De Vita Conti

°°°

La stagione del Teatro Ambra Jovinelli riapre il 30 ottobre con il ritorno di Giuseppe Battiston che porterà in scena il suo cavallo di battaglia, “Orson Welles Roast”.

Lo spettacolo, scritto dallo stesso Battiston insieme a Michele De Vita Conti, ricostruisce, attraverso ricordi e irresistibili aneddoti, l’avventura artistica di Orson Welles, vera icona del ventesimo secolo, attore, regista e produttore cinematografico geniale e originalissimo.

L’epopea artistica di Welles diventa una confessione priva di ipocrisie e di false modestie. Welles-Battiston si rivolge direttamente al pubblico ripercorrendo, come in un fiume di ricordi, gli episodi della sua vita che si mescolano alle riflessioni sul mondo come ingredienti di una ricetta. A fare da cornice alla esilarante e talvolta amara serie di aneddoti è infatti proprio una ricetta, quella dell’arrosto, di cui l’artista si professa un devoto cultore.

Come sarebbe un breve incontro con Orson Welles, se potesse, solo per un’ora, tornare a stare tra noi?

Ci svelerebbe qualche segreto della sua tecnica straordinaria o passerebbe tutto il tempo a raccontare aneddoti esilaranti?

Scaglierebbe, indignato, invettive contro i nemici di allora e gli orrendi tempi moderni o ne sorriderebbe sornione? Genio infinito e grandissimo cialtrone.

Senza nulla da nascondere, con ancora moltissimo da offrirci, per sempre in grado di stupire.

ps  “The Dean Martin Celebrity Roast” è una serie di speciali televisivi ospitati dall’animatore Dean Martin e trasmessi dal 1974 al 1984. Per una serie di 54 speciali e spettacoli: Martin e i suoi amici, ad ogni puntata, avrebbero “arrostito” una celebrità.

 

Ufficio Stampa a cura di Benedetta Cappon

 

Autore: Redazionale

Condividi