MilanOltre Festival | Teatro Elfo Puccini 27 settembre – 13 ottobre | La Danza contemporanea dalla Compagnia Zappalà a Cristina Kristal Rizzo

,   

27 settembre – 13 ottobre

MILANoLTRE 2019

… E la danza continua

Ma poi c’è quel momento musicale suggestivo e che in qualche modo chiude la festa, cioè, quando le Suore di via Crociferi, da dietro le grate del loro voto di clausura, cantano quei dolcissimi versi in latino. In quel momento si ferma anche l’aria”. (Carmen Consoli)

Compagnia Zappalà Danza
“A. semu tutti devoti tutti?”

Ho voluto aprire la presentazione del festival di quest’anno, la 33° edizione, con un pensiero di Carmen Consoli a proposito di uno dei momenti più toccanti delle celebrazioni di Sant’Agata a Catania. Destino ha voluto che proprio quest’anno, mentre ero a Catania in febbraio a seguire uno dei progetti di questa edizione e anche la popolare processione, il momento magico citato da Carmen Consoli non c’è mai stato. Ancora più necessario e urgente diventa quindi programmare uno spettacolo quale è A. semu tutti devoti tutti? di Roberto Zappalà. Chi verrà a vederlo comprenderà il senso di queste mie parole.

Compagnia Virgilio Sieni

Per il resto, il lungo viaggio di MilanOltre avvenuto idealmente in Oriente nel 2018 con Cina e Corea, riconduce in Italia e subito, l’apertura di questa edizione, ci proietta nel clima del profondo sud italiano. Il profumo d’Oriente annunciato nel progetto triennale però rimane e lo ritroveremo nelle visioni di due artisti italiani: tra le sfumature leggere che Simona Bucci ha tessuto sul performer Hal Yamanouchi e nelle atmosfere sacre di un tempio indonesiano coreografate da Stefano Fardelli. A Roberto ZappalàSusanna BeltramiSimona BertozziDiego Tortelli, artisti italiani associati al festival, si aggiungono i numerosissimi appuntamenti sempre con la danza italiana, quest’anno ben 20 su un totale di 25.

E, nella scena internazionale, il nuovo progetto di Diego Tortelli con Tanzbüro München, il focus dedicato a Richard Siegal e al suo Ballet of Difference per la prima volta a Milano, realizzati grazie a una preziosa partnership con il Goethe Institut MailandRichard Siegal, che nella nuova creazione New Ocean ci rammenta la ricorrenza dei 100 anni di Cunningham, torna a omaggiare il grande coreografo muovendosi proprio partendo da Ocean, una delle ultime leggendarie creazioni di Merce Cunningham e John Cage.

 …E la danza continua

Rino De Pace, direttore artistico

Autore: Redazionale

Condividi