Pregi e difetti del narcisismo secondo Simon Blackburn. ‘Specchio delle mie brame’, Carbonio editore

,   

Simon Blackburn

Specchio delle mie brame

Pregi e difetti del narcisismo

Collana Zolle
Traduzione
Alberto Cristofori
Pagine
208

Prezzo 16,50 euro
Isbn
9788899970314
Uscita
5 settembre 2019

L’autore

Simon Blackburn è nato a Bristol (Regno Unito) nel 1944. Filosofo del linguaggio, ha insegnato per molti anni in diversi atenei (Oxford, Cambridge, Università del North Carolina). Membro del Trinity College di Cambridge, della British Academy, del New College of the Humanities di Londra, è anche socio onorario della American Academy of Arts & Sciences ed è stato presidente della Aristotelian Society.

È autore di diversi saggi tradotti in dieci lingue, tra cui Pensa (2001), Essere buoni. Come sopravvivere in un mondo d’incertezze (2003), Lussuria (2006), Platone. Repubblica (2007), Le grandi domande. Filosofia (2010).

Il libro

Sicuri di sé, compiaciuti, perennemente affascinati dal proprio riflesso nell’acqua; assetati di applausi; smaniosi di rendersi protagonisti con l’ennesimo selfie: le forme che può assumere il narcisismo sono tante, e tutte innegabilmente odiose. Ma l’amore di sé è sempre un deplorabile nemico e un male da cui tenersi alla larga? O potrebbe anche rivelarsi il punto di partenza per una vita più sana?

Attingendo dai miti greci, dalla cultura popolare e dalla storia della filosofia e intrecciando una riflessione che spazia da Aristotele, Platone, Rousseau, Kant, Hume, Iris Murdoch alla chirurgia plastica, alle pubblicità patinate e alle tante forme di mercificazione sociale, Simon Blackburn esplora i complessi fenomeni che circondano il sé e il rispetto di sé, offrendo intuizioni profonde su concetti come orgoglio, ambizione, vanità, autenticità. Perché, fa notare Blackburn, a volte guardarsi allo specchio può essere anche indice di lodevole coraggio e di grande sincerità verso se stessi.

«Cos’è dunque l’“io” dietro ai miei occhi, il soggetto che abita il mio cervello e il mio corpo, l’essere che sopravvive ai mutamenti della vita, che si sveglia di nuovo ogni mattina e che corre o arranca verso la sua inevitabile fine?»

https://carbonioeditore.it/wp-content/uploads/2019/08/Z7_Blackburn_Specchio-delle-mie-brame-excerpt.pdf

Autore: Redazionale

Condividi