Intervenga l’Ordine…I commenti del troglodita Feltri sulla malattia di Camilleri sono spudorati e qualificano chi li emette

,   

Da  Articolo 21

Spudorati i commenti di Vittorio Feltri su Andrea Camilleri

Intervenga l’Ordine

°°°

Mentre le condizioni dello scrittore Andrea Camilleri rimangono stazionarie, ma purtroppo gravi, i social e anche alcuni commentatori stanno offrendo uno spettacolo desolante, intriso di odio e ignoranza contro il quale Paolo Borrometi, presidente dell’Associazione Articolo 21, è intervenuto una prima volta condannando gli insulti sui social al maestro ricoverato in ospedale. Ma oggi è stato ulteriormente superato il segno.

“È terribilmente squallido, a dir poco, leggere cosa scrive Vittorio Feltri nel suo editoriale su Andrea Camilleri. – dice Borrometi – Penso che il grande maestro meriti rispetto, tanto rispetto, soprattutto in questo momento di grande sofferenza, così come meritano rispetto le sue opere. Ma come si fa a dire, tanto per citarne una, che la sua dipartita finalmente permetterà di non vedere più Montalbano, che è un ‘terrone che ci ha rotto i coglioni’?!

Sono sempre stato per la differenza di opinione, che per me è e resta una ricchezza. Come ho sempre difeso l’autonomia del giornalismo e del giornalista. Ma non gli insulti o le offese, per di più pronunciate nei confronti di chi, come Camilleri, sta combattendo la battaglia della vita. Chiedo ancora una volta all’Ordine dei giornalisti di intervenire”. Il commento di Feltri ha indignato larga parte degli osservatori e dei giornalisti per la gravità della considerazione su una persona che lotta per la vita e, in secondo ordine, perché scredita il diritto di critica che pur va riconosciuto ai giornalisti.

Ma non in questi termini. Anche sugli insulti letti sui social Paolo Borrometi era stato altrettanto chiaro: ”Leggere gli insulti sui social ad Andrea Camilleri, subito dopo l’arresto cardiaco ed il suo ricovero in gravi condizioni in ospedale, è stato davvero sconfortante. Quelle parole mi fanno comprendere a che livello di barbarie sia arrivato questo nostro Paese. Andrea Camilleri è un Gigante in un mondo di nani. Forza Maestro, la parte più importante di questo Paese è con Lei!”.

 

Aggiornamento a cura di Angelo Pizzuto

 

ps  Occhio per occhio? Cosa augurare alll’insigne opinionista del bassoventre bermasco quando il fine vita toccherà anche lui?…in condizione non sappiamo ancora se più inerti e dolorose di quanto sta adesso accadendo allo scrittore di Vigata?…Lo dico tenuto conto della dimensione, del rispetto umano dovuto a chiunque, non della dibattuta (e dibattibile)  qualità letteraria dell’inventore di Montalbano, ma di decine di altre opere di forte spessore narrativo, storico, evocativo: con un titolo che, per noi, svetta sugli altri, la biografia immaginaria, ma verosimile, di Luigi Pirandello. Perchè il Feltri autoctono-naif non corre ad acquistare quel libro ed “apprendere”? Ammesso che conosca cosa voglia dire Pirandello per la cultuta europea del ‘900. Fuori dalle valli ruspanti e titillanti, pascimento avito dei Bossi, dei Salvini e compagnia cantante (stonata, avvinazzata…). Accetti il piccolo consiglio di un meridionale trapiantato…(a.piz.)

Autore: Redazionale

Condividi