Dall’Eden alla Luna tra un’influenza e l’altra

,   

Dall’Eden alla Luna tra un’influenza e l’altra

CATANIA – Si chiude la stagione del Canovaccio, teatro catanese vivace e aperto alle novità, che ha scelto di concludere il suo cartellone con lo spiritoso e intelligente “Influencers” di Francesca Acate, con Plinio Milazzo che ne è anche il regista, Giuseppe Calaciura e Carmela Sanfilippo, in una gustosa escursione nel nostro pazzo pazzo mondo, dal Paradiso terrestre all’allunaggio con tanto di tute spaziali. Infilzati dal ritmo serrato di una regia scoppiettante di gags cabarettistiche dove l’umorismo sottende riflessioni sulle nostre influenze (non quelle di stagione), ridiamo, dall’Eden alle astronavi, alle prese con i guasti del nostro tempo super tecnologico, super social, super attivista, supremamente alla mercè dei condizionamenti e delle manie di cui siamo vittime spesso inconsapevoli.

“Influencers” divertendoci sottilmente dialoga con il nostro destino di influenzati-influenzatori. Quando sarò grande che cosa voglio fare? Chi voglio essere? Oggi una nuova professione si affaccia all’orizzonte dell’infanzia violata: l’Influencer. Ma gli influencer ci sono sempre stati… Colti fin dalla più tenera infanzia infatti i tre super eroi, filmati in confessioni da finti bambini (giocose trasformazioni dei nostri giocattolini preferiti…i mitici cellulari), attraversano la storia del mondo, mettendo in berlina bonariamente grandi influencer come il Serpente del Paradiso terrestre alle prese con la coppia primigenia, Adamo ed Eva, buffamente colti in una comicità cercata e vissuta con l’apparente naturalezza assimilabile alle improvvisazioni, senza ignorare i collaudati cliché della risata, dai non sense agli equivoci verbali.

La vis comica di Plinio-serpente, assecondata da Giuseppe-Adamo, accostata alla disinvolta nonchalance della scatenata Carmela-Eva, generano un trio scanzonato dove la scena biblica è rivissuta con garrula complicità. Ancora influenze con i Maya, e con la Luna, il più grande degli influencer, su cui l’uomo è sbarcato…forse. Sulla scena i tre protagonisti dialogano, dibattono, litigano, con garbo e spirito, da un ruolo all’altro, da una location all’altra, nel dramma giocoso di “influenze” e “influenzati”, senza drammi, senza profezie apocalittiche, dritti verso la poetica conclusione che è bello farsi influenzare se, per esempio, è un pensiero del Mahatma Ghandi.

INFLUENCERS

Di Francesca Acate

Regia di Plinio Milazzo

Con Carmela Silvia Sanfilippo, Giuseppe Calaciura, Plinio Milazzo

Produzione  Teatro del Canovaccio

Al Teatro del Canovaccio di Catania

Autore: Anna Di Mauro

Condividi