‘Le voci’ in transito all’Auditorium Spin Time di Roma

,   

‘Le voci’ in transito all’Auditorium Spin Time di Roma

LE VOCI
Drammaturgia: Annarita Colucci
Editor: Massimiliano Ciarrocca
Regia: Roberto Andolfi
Attori: Dario Carbone, Annarita Colucci, Roberto Andolfi
Disegno Luci: Martin Emanuel Palma
Produzione: Progetto vincitore di “Giovani direzioni”, realizzato con il contributo del centro teatrale
MaMiMò

ROMA – In una piccola stazione del sud Italia un capostazione e il suo aiutante, un giovane affetto da disturbi cognitivi, trascorrono le giornate scandite dalle stesse abitudini. Un giorno arriva una viaggiatrice diretta a Milano, che scopre che dietro quella facciata apparentemente banale si nasconde un segreto affascinante; nelle scatole accatastate infatti sono custodite le voci di chi ha transitato per quella stazione.

Le voci è un viaggio simbolico tra le varie storie di chi è partito e non è più tornato, ma è soprattutto una dichiarazione d’amore per quel Sud Italia, amaro nella realtà ma sempre dolce nella memoria.
L’aspetto più rilevante dello spettacolo è l’intesa tra i vari interpreti e soprattutto tra i due attori, molto abili a trasformarsi in personaggi tipizzati ma sempre autentici. Dario Carbone con molta naturalezza riesce a sembrare un ragazzo affetto da ritardo mentale, mentre Roberto Andolfi, nella vita molto giovane, interpreta un anziano capostazione senza mai scadere nella macchietta.

I tre interpreti si muovono in una scenografia ricca e accurata che in modo inaspettato e fantasioso si trasforma, incarnando il ricordo di qualche viaggiatore o viaggiatrice. La drammaturgia è l’unico aspetto debole dello spettacolo perché nonostante narri storie intense non riesce a staccarsi dal cliché e quindi emozionare.

IL ΊOCO è una compagnia nata tra il 2012 e 2013 che da un anno e mezzo collabora con Spin Time, uno di quei luoghi alternativi che rendono Roma speciale. Lo stabile infatti, in passato sede dell’Inpdap è rimasto abbandonato per anni, finché nel 2013 Action l’ha occupato per scopo abitativo: oggi ci abitano 150 famiglie proveniente da 18 nazionalità diverse. Ma ben presto Spin Time è diventato uno spazio dove creare attività di assistenza sociale, laboratori, convegni e dove sono presenti un’osteria e una sala concerti. Da un anno e mezzo la compagnia IL ΊOCO ha lavorato materialmente per creare una sala prove oggi aperta a chiunque voglia usufruirne e un auditorium molto capiente e ben attrezzato, che non ha nulla da invidiare alle sale di teatri romani più quotati.

Autore: Simona Almerini

Condividi