Montecarlo: al via la 35ma edizione del “Festival Printemps des Arts”

,   

Montecarlo: al via la 35ma edizione del Festival Printemps des Arts

Il Principato di Monaco e Monte-Carlo celebra l’arrivo della bella stagione con il Festival Printemps des Arts che da oltre trent’anni è divenuto fonte di richiamo culturale per il turismo internazionale. L’edizione 2019 della rassegna monegasca si estende per 5 settimane dal 15 marzo al 14 aprile ed è articolata in 22 concerti e un film ospitati in 9 differenti luoghi del Principato.

Un programma denso di appuntamenti che mescola con intelligenza tradizione e innovazione sarà ospitato nei luoghi più rappresentativi del Principato: dall’Hôtel de Paris all’Opera, dalle moderne sale dell’Auditorium Rainier III e del Grimaldi Forum alla cornice inusuale del Museo Oceanografico, costruito a fianco della celebre Rocca di Monaco. Marc Monnet, direttore del Printemps des Arts, propone un programma che, spaziando dal barocco al contemporaneo in un gioco di riflessi e di rimandi tra passato e presente, apre alla musica asiatica della Mongolia, all’universo musicale dissacrante e divertente di Mauricio Kagel e alla produzione spettacolare di Karlheinz Stockhausen.  Anche quest’anno il festival sosterrà la musica contemporanea con la commissione di due nuove opere a Yann Robin e ad Alexandros Markeas. Quest’ultimo inoltre sarà il compositore en résidence della prossima edizione del festival: Markeas interpreterà le proprie opere con gli studenti dei conservatori musicali della Costa Azzurra. Parallelamente alla contemporaneità si snoda un percorso imbastito sul pianismo romantico di Chopin, Schubert, Mendelssohn, Liszt, Brahms e Fauré.Interpreti e formazioni eccezionali scandiscono il cartellone 2019 quali la BBC Symphony Orchestra, l’Orchestra Filarmonica di Monte-Carlo, il direttore Peter Eötvös, il violinista Renaud Capuçon. La parola d’ordine è il rinnovamento da proporre ad un pubblico desideroso di sperimentare nuove sensazioni attraverso prime esecuzioni assolute e scelte “classiche”. Tra gli appuntamenti più attesi figurano l’integrale dei concerti per pianoforte di Beethoven, per le due serate inaugurali, affidate a François-Frédéric Guy, specialista del compositore tedesco, nella duplice veste di pianista e direttore della Sinfonia Varsovia; i ritratti consacrati a Mauricio Kagel, originale autore del secondo dopoguerra, e a Heinrich Schütz, compositore e organista tedesco del periodo barocco; la forma del quartetto con i capolavori beethoveniani e quattro formazioni d’eccezione, i Quartetti Diotima, Parker, Signum, Renaud Capuçon; la ‘musica spaziale’ con “Oktophonie” di Stockhausen.  Torna anche quest’anno l’apprezzato “viaggio a sorpresa” che prevede l’acquisto di un biglietto per partecipare ad un viaggio musicale di una giornata a Monte-Carlo e nelle località limitrofe. Prosegue la collezione dei dischi del Printemps des Arts con 4 incisioni discografiche dedicate a Claude Debussy, Benjamin Britten, Igor Stravinskij, Franz Liszt & Julius Reubke. Il programma dei CD, affidato a giovani talenti, verrà eseguito in occasione di quattro concerti nell’ambito del festival.

Il prezzo medio dei biglietti è 26 euro; biglietti ridotti a 10 euro per gruppi e per giovani fino ai 25 anni, entrata gratuita per i bambini fino ai 12 anni. Informazioni: FESTIVAL PRINTEMPS DES ARTS DE MONTE-CARLO 12 avenue d’Ostende MC 98000 Monaco, tel +377 97983290 

Autore: Redazionale

Condividi