Milano Teatro Franco Parenti | ‘Sei. E dunque perché si fa meraviglia di noi?’ di Roberto Latini 19-24 marzo

  

Sei. E dunque, perché si fa meraviglia di noi? 

19 – 24 Marzo 2019

drammaturgia e regia Roberto Latini
con PierGiuseppe Di Tanno
musiche e suono Gianluca Misiti
luci e direzione tecnica Max Mugnai
assistenza alla regia Alessandro Porcu
collaborazione tecnica Luca Baldini, Daria Grispino
foto Angelo Maggio

produzione Fortebraccio Teatro
con il sostegno di Armunia Festival Costa degli Etruschi | con il contributo di MiBACT e Regione Emilia-Romagna

Uno spettacolo decostruito da Sei personaggi in cerca d’autore firmato Roberto Latini, uno dei protagonisti della scena contemporanea italiana. Latini prosegue, dopo Il teatro comico di Carlo Goldoni e Quartett di Heiner Müller la riflessione sulla coscienza del teatro, per un teatro che ammette se stesso e che diventa insieme al mezzo, il fine.

Lo spettacolo ruota attorno alla sensibilità di un solo attore, PierGiuseppe Di Tanno. A circa due metri d’altezza, su di un palco nel palcoscenico e con indosso una maschera che riproduce un teschio, interpreta tutti e sei i personaggi pirandelliani.

In scena il conflitto tra finzione e realtà, tra la vita vera e la morte a cui sono destinati i personaggi che chiedono di diventare “vivi”.

L’attore PierGiuseppe Di Tanno, affascina con eclettica bravura il pubblico (…) bloccato sul piano, strettissimo, del piedistallo, per quasi tutto il tempo della recita, snocciola, agitando mani e braccia, con inginocchiamenti e alzate del corpo, il racconto, offrendoci le voci di tutti i personaggi, raccordati da passaggi narrativi, con insolita bravura, giocando su più piani la propria voce. Mario Mattia Giorgetti – Sipario

Autore: Redazionale

Condividi