Principesse senza Principe Azzurro e senza corona, in scena alla Sala Chaplin di Catania

  

Principesse senza Principe Azzurro e senza corona, in scena alla Sala Chaplin di Catania

CATANIA – Irrompe in scena, garrula e ridente, codini e ballerine. Sosta davanti allo specchio parlante con la voce di Mimmo Mignemi, si veste, si spoglia, si pettina, si trucca, si racconta, sogna. E’ la principessa custodita nel nostro cassetto segreto. E’ un’autentica principessa, ma non porta la corona… Le vere principesse non hanno bisogno di corona. A testa alta, sorridono anche se il cuore fa male, sono inquiete, inseguono la bellezza, la giovinezza, l’amore, ma con ironia. Le principesse DOC sono infatti dotate di sens of humour. Brillanti e beffarde cavalcano il loro destino tra principi azzurri di latta, su tacchi a spillo rosso fuoco evocando le scarpette rosse del celebre film, immerse in creme e cremine, liposuzioni, abbigliamenti osé fino al sognante epilogo dove il rosso della seduzione si trasformerà in una cascata di petali di romantiche rose rosso…sangue?

Principesse senza corona” è lo scoppiettante monologo punteggiato di sapidi umori, scritto, diretto, interpretato da una sorprendente Barbara Gallo, generosa e versatile che, pur non rinunciando al suo elegante stile anglosassone, ci offre un impietoso e buffo profilo della “fiaba” della vita che le donne, fin dalle fasce hanno intuito non essere proprio così fantastica, svelando retroscena e dettagli poco fiabeschi. Divertente, amaro, dissacratorio, variegato, intimo, pugnace, irridente, giocoso all’apparenza, ci solletica e pungola senza sconti. La sua attenzione all’universo femminile ha visto la Gallo protagonista dolente e ribelle in “Pietra di pazienza”, pronta a misurarsi con un testo originale e importante, in un Medio Oriente in guerra, dove la donna sfida la sua condizione di sudditanza assistendo il marito in coma (la sua pietra di pazienza) a cui racconta retroscena inconfessabili della sua intima vita segreta.

La corona di petali sul capo della vera principessa che incede regalmente verso l’uscita, si sparpaglia al suolo, vermiglia, fugace e precaria, ricordandoci di stare nel qui ed ora senza rinunciare al sogno. Tutte le principesse per pura sopravvivenza vivono la loro vita di ogni giorno in questa dimensione.

PRINCIPESSE SENZA CORONA

Di e con Barbara Gallo

Voce fuori campo Mimmo Mignemi

Sala Chaplin di Catania

Autore: Anna Di Mauro

Condividi