L’Arte incontra la Musica. Alla Galleria EmmeOtto di Palazzo Taverna, Roma (22 dicembre)

,   

Segnalazioni

L’ARTE INCONTRA LA MUSICA

 

Sabato 22 Dicembre 2018 ore 18.30 – 20.30

GALLERIA EMMEOTTO

Palazzo Taverna | Via di Monte Giordano 36 00186 ROMA

  1. +39. 06.68.30.11.27 | e-mail: info@emmeotto.net | web: www.emmeotto.net

 °°°

La Galleria Emmeotto di Roma, sabato 22 dicembre alle ore 18, darà vita alla performance di musica contemporanea di Monica Marziota e Francesco Pecorari, sulle tracce della mostra The Bright Side of the Womb di Verdiana Patacchini.

I temi affrontati dall’artista come imperfezione, metamorfosi e il legame con la terra, diventano

emanazione stessa dei tratti espressivi che lega i tre artisti in un’ unica visione, non solo nella prospettiva artistica, ma anche umana.

La performance musicale sarà evocazione delle suggestioni suscitate dalle opere stesse e sintesi della loro comune visione.

I tre artisti legati da amicizia e da fonti di inspirazioni comuni, hanno già collaborato in passato e si ritrovano insieme nelle sale di Palazzo Taverna.

MONICA MARZIOTA

Musicista, soprano, pianista, performer, compositrice italo-cubana, laureata in canto lirico al Conservatorio di Santa Cecilia di Roma. È attualmente laureanda in Musicologia all’Università La Sapienza di Roma. Figlia d’arte, è nata a L’Avana da una famiglia di musicisti ed intellettuali. Suo nonno materno Julio Valdés “Cobarde” ha fatto parte di quella generazione d’oro della musica cubana rappresentata dal “Buena Vista Social Club””.
Cresciuta tra L’Avana, Toronto e Roma , ha iniziato a suonare il pianoforte, cantare e scrivere musica sin da bambina. Oggi la critica la definisce artista cosmopolita, eclettica e versatile. Il suo repertorio raggiunge diverse aree vocali. Nel campo della musica colta si dedica al periodo moderno e contemporaneo, orienta la sua ricerca musicale al Novecento; e spazia dal jazz, al latin-jazz, alla world music, alla musica cantautorale.

Diverse tournée e notevoli palchi l’hanno vista esibirsi in Italia, Francia, Austria, Romania, Spagna, Cuba, Canada, Argentina e Nigeria: Teatro Petruzzelli di Bari; Auditorium della Conciliazione, Teatro Olimpico, Sala Casella dell’Accademia Filarmonica Romana, Aula Magna dell’Università La Sapienza a Roma; Teatro Secci a Terni, Teatro Sociale di Amelia in Umbria; Teatro Comunale Città di Vicenza, Teatro Salieri di Legnano in Veneto; Teatro della Luna a Milano; Teatro Alfieri di Torino; Maison de l’Amérique Latine a Parigi; Volkstheater a Vienna; Colegiul National de Arte Regina Maria a Constanza; Port Harcourt Music Festival; Teatro Nacional de Cuba, Teatro de Bellas Artes, Basilica Menor de San Francisco de Asís, Sala Cervantes a L’Avana.

Ha lavorato con nomi importanti della scena musicale italiana ed internazionale come il compositore vincitore del BAFTA M° Andrea Morricone, il M° argentino Miguel Angel Zotto, il celebre pianista cubano Marcos Madrigal. Ha condiviso il palco con Zucchero, Mario Biondi, Tony Esposito, Niccolò Fabi. Recentemente il prestigioso compositore Girolamo Deraco ha scritto per lei una piccola opera contemporanea che è stata prima mondiale al Festival Habana Clásica novembre scorso.

Ha inciso il suo primo album registrato a New York City nel 2013. Con il nome di “MoMå ” ha ideato un progetto internazionale e multiculturale: “MoMå & the Minoses” che è stato presentato il 21 giugno 2017 in occasione della Festa Europea della Musica, dove ha partecipato il musicista Francesco Pecorari.

FRANCESCO PECORARI

Saxofonista e musicologo. Alla perenne ricerca per creare con il suono un Mondo migliore. Il suo progetto di vita e artistico lo porta ad occuparsi di musica contemporanea e a presentare la sua musica in ambienti di disagio dal carcere, centri diurni, fino in Africa (con il suo progetto di cooperazione Tying Suonds in Kenya) mantenendo un forte legame con il mondo dell’improvvisazione  e della ricerca. Ha collaborato al progetto internazionale ideato da Monica Marziota “MoMå  & the Minoses” in occasione della Festa Europea della Musica nella Sala Casella dell’Accademia Filarmonica Romana

VERDIANA PATACCHINI                                                                                               

Verdiana Patacchini, AKA Virdi nasce ad Orvieto nel 1984. Studia all’Accademia di Belle Arti di Via di Ripetta a Roma dove si diploma in pittura, con la cattedra di Giuseppe Modica, con una tesi su Carlo Guarienti, di cui poi diventerà allieva. Successivamente, si laurea in Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico Contemporaneo.

Nel 2011 espone alla 54. Biennale Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia nel Padiglione Italia. Dal 2009 inizia a viaggiare negli Stati Uniti, nel 2012 ottiene il primo visto come artista e nel 2015 vince una residenza artistica e si trasferisce definitivamente a New York. Nel 2016 il Consolato Generale d’italia a New york presenta una sua mostra personale a cura della Galleria Emmeotto di Roma. Attualmente, Verdiana vive a New York, il suo studio è il 312 al MANA Contemporary. Firma i suoi quadri con lo pseudonimo Virdi.

 

Aggiornamento a cura di Luisa Mariani

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Autore: Redazionale

Condividi