Una commedia brillante sulla solitudine dell’intelligenza incompresa

,   

Una commedia brillante sulla solitudine dell’intelligenza incompresa

Palco Off ripropone al suo pubblico Binario 7, una collaudata compagnia di Monza, questa volta alle prese con la riduzione di un romanzo di Martin Page “Come sono diventato stupido”, da cui l’omonimo spettacolo. Ridotto, diretto e interpretato con “intelligenza” da Corrado Accordino, affiancato da tre valenti attori, la pièce racconta con ironia e sapide trovate drammaturgiche la storia dell’intelligentissimo e infelicissimo venticinquenne Antoine, condannato alla solitudine dal suo alto quoziente intellettuale.

Dopo una serie di divertenti e a tratti amari tentativi (fortunatamente falliti) di cavalcare la stupidità dei più, dall’alcoolismo ai tentativi di suicidio, abuso di farmaci, ipotesi di lobotomia, giocate al Monopoli, in un percorso accidentato, nel quale i bravi attori daranno vita a spumeggianti siparietti, Antoine godrà di quel che lui è, grazie alle grazie di una fanciulla incontrata su un bel prato, immaginiamo in un bel mattino di primavera, consapevole della bellezza di essere ciò che si è e capace di godere del qui ed ora.

Ricetta infallibile, ma non sempre facilmente praticabile, l’amaro Carpe diem oraziano qui diventa un biscottino dal retrogusto amaro (un omaggio alla madeleine proustiana), che scende a consolare gli afflitti “intelligenti”, sulle frasi roboanti di Vecchioni che del dolore fa poesia. “Ho conosciuto il dolore e lui mi ha conosciuto”.

Spettacolo stimolante “Come sono diventato stupido” punta il dito su un tema esistenziale delicato e scottante che riguarda tutti, ma soprattutto i giovani intelligenti che annaspano disperati in una società ottusa e decerebrante.

COME SONO DIVENTATO STUPIDO

Dal romanzo di Martin Page

Drammaturgia e regia di Corrado Accordino

Con Corrado Accordino, Viola Lucio, Marco Rizzo, Alessia Vicardi

Scene e costumi Maria Chiara Vitali

Disegno luci Stefano Capra- Valentina Paiano

Produzione Binario 7 (Monza)

Al Must Musco Teatro di Catania

Autore: Anna Di Mauro

Condividi