All’Ambra Jovinelli di Roma prosegue la tournée di “Pensaci Giacomino!” di Pirandello, con Leo Gullotta

  

La terza età…ma in contropiede

All’Ambra Jovinelli di Roma, dopo il rodaggio in Sicilia, approda “Pensaci Giacomino!” di Pirandello, interpretato da Leo Gullotta, per la regia di Fabio Grossi

°°°

Non so se avvantaggia o reca distrazione ritrovare, sul filo di ricordi sedimentati, altre  edizioni rilevanti dell’opera pirandelliana: con in cima quella di Sergio Tofano e Salvo Randone, ma a seguire quelle sempre intriganti, sulfuree, sapientemente beffarde di Turi Ferro e Carlo Croccolo. Più l’eccentrica eccezione del felpatissimo, serafico, a tratti persino ‘dandy’ Ernesto Calindri, in abiti (a lui consoni) di ‘uomo di mondo’ al tramonto -e quasi certo di non lieto fine professional-esistenziale . Proporrei: bando a ogni confronto a me accessibile per casualità generazionale che- si dà il caso- mi rende coetaneo (con relative affinità, sintonie, empatie) del sapido, irremovibile, beffardo Leo Gullotta, affatto incanutito o tendente al senile.

Che  di questa nuova ‘rilettura’ (elaborata da Fabio Grossi) è interprete inflessibile, umanissimo, ‘anarchicamente’ quasi angelico – come suggerivano i comportamenti, le disobbedienze civili del caro Andrea Gallo ai quali volentieri ci si uniformava in tempi nemmeno lontani. Divertito e perfido, Leo Gullotta, quando decide di perpetuare una piccola porzione della siciliana  infanzia (quel suo “doppio” di adolescenza al Fortino, che fu cordone ombelicale per il cabaret e il teatro filodrammatico della prima giovinezza),   circondandosi, senza vezzo alcuno, di pupazzi e peluche che “sveleniscono”, per gioco ma per poco, le ingiustizie, vessazioni, ipocrisie cui  è stata sottoposta la sua vita di bizzarro insegnante in uggia alla morale del perbenismo e dell’asfittica cittadina di provincia.

Elemento, a ben pensarci, non secondario quello dell’ infanzia rivendicata e mai vissuta, del giocattolo o dell’oggetto ludico, qui sfiorato ma non tralasciato dalla sinuosa maschera di Gullotta, alla vigilia della sua metamorfosi in ‘ingegno’ ostile e raziocinante, vindice ed inflessibile nella sua metamorfosi da  uomo di ‘poche qualità’ a piccolo ‘nume sterminatore’ di un agglomerato (di anima morte) lieto di avergli   esternato  compassione e buonsenso, conformismo e santa quiete domestica: specie per un anziano rimasto celibe non si sa se per ‘avversità’ o per libera scelta. Ma improvvisamente animato dalla generosità di dare usbergo, reddito, cognome e dignità ad una povera ragazza incinta, figlia di un inetto bidello, e appena rinnegata sia dalla famiglia, sia dall’ex (pavido) spasimante.  

Quindi, e a suo modo, “tragedia civile”all’interno di una asfittica comunità riemersa in uno stringato, cesellato  adattamento (di Fabio Grossi) divenuto atto unico di 90 minuti, posposto come se accadesse negli anni ’50: come evidenziato dagli eleganti e ben ‘sfoggiati’ costumi d’epoca e  corredato da una scenografia cromaticamente accesa, ispirata all’espressionismo tedesco alla cui scuola  Pirandello  andò da giovanissimo. Quindi, “fra giganteschi ritratti semoventi sempre in scena (la calunnia incombente), e agito su due piani, come la realtà di questa microstoria di provincia,  accompagnata da musiche incisive e da un evocativo canto di donna”.

 E poi, di cosa meravigliarsi? Il prof. Toti di “Pensaci Giacomino” non nasce dal nulla ed è in buona compagnia, specie nel suo congedarsi dal suo stato di  sulfureo giocherellone  e, con  “mossa da cavallo”, trasformarsi in sarcastico, granitico angelo vendicatore secondo la stessa parabola che lo accomuna ad altri pilastri della pirandelliana “quieta apparente”e sacrosanta “ira del giusto”: dal Baldovino del “Piacere dell’onesta” al Ciampa del “Berretto a sonagli”, dal Leone Gala del “Gioco delle parti” al nobile ‘smemorato’ di “Enrico IV”

“L’umanità  di Toti non è ancora di questo mondo”- annotava un anziano critico di cui mi sfugge il nome.

°°°

PENSACI GIACOMINO!

di Luigi Pirandello. Lettura drammaturgica e regia: Fabio Grossi

Con Leo Gullotta, Liborio Natali, Rita Abela, Federica Bern, Valentina Gristina, Gaia Lo Vecchio
Marco Guglielmi, Valerio Santi e Sergio Mascherpa. Scene e Costumi Angela Gallaro Goracci. Musiche Germano Mazzocchetti. Luci Umile Vaineri.Voce dei brani cantati Claudia Portale

Produzione Teatro Stabile Catania – Compagnia Enfi Teatro  In tournée nazionale, anche per la prossima stagione

 

 

Autore: Angelo Pizzuto

Condividi