Utopia illuminata e microcosmi concentrazionari nei racconti di C. Perkins Gilman. ‘La terra delle donne’ ed. Donzelli

,   

Charlotte Perkins Gilman

La terra delle donne

Herland e altri racconti (1891-1916). Duemila anni senza gli uomini

Edizione italiana a cura di Anna Scacchi. Con una prefazione di Vittoria Franco

Saggi. Arti e lettere

2011, pp. XXXIV-254

ISBN: 9788860365477

Scheda libro

Tre vecchi amici – un medico, un ricco magnate e un sociologo –, legati dalla passione per i viaggi e l’esplorazione, colgono al volo l’occasione di unirsi a una grande spedizione scientifica e malauguratamente si ritrovano da soli in una terra sconosciuta, forse in Sud America. Parte da qui, come un vero e proprio romanzo d’avventura, il racconto-pamphlet che Charlotte Perkins Gilman scrisse nel 1915, dando vita alla prima utopia femminista dell’età contemporanea. Antesignana dell’insofferenza e della consapevolezza delle donne riguardo alla disuguaglianza loro imposta dall’ordine sociale, Gilman mise sotto gli occhi di tutti l’insensatezza, oltre che l’ingiustizia, della condizione femminile. E lo fece scegliendo la via più semplice e diretta: non una denuncia argomentata, come nelle sue opere saggistiche, ma un racconto di fantasia che mette in bocca a un uomo, il narratore-esploratore, la scoperta e la descrizione di un paese felicemente e pacificamente abitato da sole donne.

Quale arguzia e quanta ironia, in poche pagine che a oltre un secolo di distanza non cessano di stupire per lucidità e forza argomentativa. Le stesse che ritroviamo negli altri suoi racconti, tra cui La carta da parati gialla (The yellow wallpaper, 1892), che, grazie alla sua straordinaria densità e qualità letteraria, è stato considerato un piccolo capolavoro della letteratura femminista. Scritto in forma di diario, il racconto ci conduce nell’abisso della solitudine e dell’emarginazione di una donna che solo attraverso la scrittura – che per Gilman è uno strumento politico e mai fine a se stessa – troverà una forma di riscatto e di liberazione. Quella che si raggiunge mettendo sulla carta il rimosso della nostra cultura.

In The yellow wallpaper il progressivo turbamento psichico della protagonista è legato a una carta da parati dal colore insidioso come la sua condizione. Lei non ha un nome perché rappresenta ogni donna. Suo marito John ha un atteggiamento esteriore gentile e affettuoso, ma in realtà la sua benevolenza verso la donna è pura finzione, desiderio di circoscrivere e neutralizzare; lui è come la casa “apparentemente” accogliente ma colma di fantasmi e di minaccia. Sono presenze che solo la donna è in grado di sentire e vedere. “There is one marked peculiarity about this paper, a thing nobody seems to notice but myself, and that is that it changes as the light changes”.

Charlotte Perkins Gilman (al centro)

 

Autore

Charlotte Perkins Gilman

Charlotte Perkins Gilman (1860-1935) nacque a Hartford, nel Connecticut. Scrittrice, saggista, polemista e poetessa, divenne icona del movimento femminista nella seconda metà del Novecento. Il suo saggio La donna e l’economia sociale (1898), in cui analizza la condizione delle donne nella società patriarcale, ebbe immediata risonanza internazionale, consacrandola come riformatrice sociale in patria e all’estero.

Autore: Redazionale

Condividi