‘La diseducazione di Cameron Post’, un film drammatico che affronta il tema dell’accettazione dell’omosessualità, sarà presentato il 20 ottobre alla Festa del Cinema di Roma

,   

‘La diseducazione di Cameron Post’, un film drammatico che affronta il tema dell’accettazione dell’omosessualità, sarà presentato il 20 ottobre alla Festa del Cinema di Roma

Prima della sua uscita prevista il 25 ottobre, distribuito da Teodora, La diseducazione di Cameron Post, vincitore del Sundance Film Festival, sarà presentato in anteprima italiana il 20 ottobre alla Festa del Cinema di Roma, inaugurando la sezione “Tutti ne parlano”. Dal titolo originale The miseducation of Cameron Post, il film di Desiree Akhavan con protagonista Chloë Grace Moretz è tratto dal romanzo cult di Emily M. Danforth (nelle librerie dal 23 ottobre, edito da Rizzoli).

La vicenda è ambientata in una cittadina del Montana, nel 1993. Cameron è una studentessa che viene sorpresa durante l’annuale ballo scolastico del suo istituto mentre si bacia con un altra ragazza. La giovane Cameron Post viene così spedita in un centro religioso a God’s Promise e sottoposta a una retriva terapia di conversione che dovrebbe “guarirla” dall’omosessualità, considerata allo stesso livello di una vera e propria malattia.

Cameron è insofferente rispetto ai metodi utilizzati all’interno del centro e si ribella. La ragazza trova il sostegno di altri membri della comunità con i quali ha stretto amicizia. Insieme ai suoi amici, Cameron riesce a creare una piccola e variopinta congregazione capace di riaffermare con orgoglio la propria identità sessuale.

Capace di affrontare con uno stile graffiante un tema ancora attualissimo e controverso, La diseducazione di Cameron Post è diretto da Desiree Akhavan, regista newyorkese di origini iraniane già considerata una delle voci più originali e intense della scena internazionale.

Nonostante la giovane età, 21 anni, l’attrice Chloë Grace Moretz vanta un ricco curriculum pieno di collaborazioni con importanti registi. Nel 2018 ha preso parte al film “Suspiria” sotto la guida di Luca Guadagnino, mentre nel 2011 è stata diretta da Martin Scorsese in “Hugo Cabret”, dove interpreta la giovane amica del protagonista, e nel 2014 da Olivier Assayas in “Sils Maria”. Altre partecipazioni di rilievo: “Le paludi della morte” (2011), “Dark Shadows” (2012), “Carrie” (2013), “Dark Places” (2015), “La quinta onda” (2016).

Autore: Redazionale

Condividi