Bigodini e trucco sbavato per una mafia al femminile

,   

Bigodini e trucco sbavato per una mafia al femminile

Per la rassegna itinerante del Teatro Stabile ALTROVE 2018

Sono inequivocabilmente donne, sciatte, rozze, laidamente truccate e vestite, ma donne. Casalinghe frustrate. Parlano al maschile imitando i gesti, la mimica dei mafiosi. L’atto unico con sei personaggi in cerca di sorrisi “Mafia Pride” è una tragicamente divertente pièce al vetriolo, dedicata allo snocciolamento della ridicola, incredibile nonché parossistica parata delle nefandezze della famigerata mafia, accompagnate da musiche da discoteca perversamente a tutto volume, resa ancor più ridicola dalla mimica stentorea dei gesti olografici della violenza che dalle minacce passa ai fatti, in una sequenza dove a velocità parossistica e ininterrottamente le casalinghe-mafiosi raccontano le efferatezze compiute, fatti e nomi veri ricavati dagli atti processuali del maxi processo, in un carosello tragicomico sostenuto da un ritmo incessante, in una scenografia asettica e luminescente, dove il sorriso nel finale si vela di commozione e sdegno davanti alle foto strazianti di bambini, vittime innocenti della mafia, che raccontano la loro fine, e ai video con la voce e le immagini traballanti degli immancabili grandi inquisitori del fenomeno mafioso, trucidati spietatamente da Cosa Nostra ed entrati nella leggenda: Falcone e Borsellino.

L’argomento mafia, arma a doppio taglio per un teatro civile, nel testo agghiacciante del giornalista e drammaturgo Salvo di Giorgio, nella regia coesa di Giampaolo Romania trova la forza di una rivisitazione dei mafiosi, dei loro rituali, dei loro codici, resi ridicoli dai panni muliebri di sei scatenate, effervescenti e potenti lady in ciabatte. Sganciata dalla facile retorica o da certe ripetitive commistioni di crudezza e sarcasmo, “Mafia Pride” attraversa un contenuto terribile e devastante con la forza e la solidità della voce delle donne che possono ancora cercare una via di riscatto per una terra offesa e vilipesa.

 

MAFIA PRIDE

di Salvo Giorgio

Regia di Giampaolo Romania

Con Anita Indigeno, Carla Cintolo, Leandra Gurrieri, Lella Lombardo, Milena Torrisi, Giuseppina Vivera

Musiche di Salvo Giorgio

Video Mapping Pixel Shapel

Audio e luci Salvo Lauretta                                                     

Costumi e allestimento Teatro Stabile di Catania con Spazio Naselli- Comiso

Produzione Teatro Stabile di Catania

 

Alle Ciminiere di Catania dal 13 al 16 e dal 20 al 23 Settembre

 

Autore: Anna Di Mauro

Condividi