Sino al 26 agosto, “Busker Festival” a Carpineto Romano (Rm), nel cuore dei Monti Lepini

  

XXIX BUSKER FESTIVAL

CARPINETO ROMANO

L’arte di strada nei vicoli storici della Città d’Arte 

Sino al 26 agosto 2018, Carpineto Romano (RM) dalle ore 21.30

Il Busker Festival di Carpineto Romano (RM), il secondo più antico d’Italia, è ormai entrato nell’immaginario collettivo come uno degli appuntamenti più originali e coinvolgenti dell’estate. Ogni anno, il 25 e 26 agosto artisti di strada, musici, attori, funamboli, giocolieri, ma anche artisti e talenti di ogni età, invadono le strade di uno dei paesi più caratteristici del Lazio e del Centro Italia, dando vita a un festival unico nel suo genere, in grado di far incontrare la suggestiva architettura del gioiello dei Monti Lepini e la contemporaneità, in un connubio che rende l’iniziativa rara e preziosa per tutto il territorio.

29 anni per un festival di arte di strada sono tanti ed è difficile soddisfare ogni anno le aspettative che il pubblico ripone in esso ma nonostante l’età il Carpineto Romano Busker rimane il festival più seguito e “sincero” del centro Italia con due giorni unici di teatro, musica, performance e installazioni artistiche all’insegna della libertà. 

Un festival non dettato dalle mode del momento, ma un appuntamento che nacque come manifestazione di libertà d’espressione e che ha voluto da sempre mantenere questo spirito, senza tradire la sua missione.

Una libertà da sempre supportata dal Comune di Carpineto e che, nell’alternarsi delle rappresentanze, ogni anno decide di non rinunciare all’evento e di non privarne il territorio, attento e ricettivo.

Diventato ormai parte integrante del patrimonio culturale della cittadina, il Festival Buskers di Carpineto Romano, finanziato dalla Regione Lazio, si distingue nel panorama nazionale grazie alla commistione dei tradizionali spettacoli di strada con spettacoli che solitamente trovano spazio solo nei teatri o nei live club come la commedia dell’arte e il teatro d’innovazione, spettacoli di circo contemporaneo con strutture aeree, performer di pittura dal vivo che trasformano piazze e vie in musei.

Dal 1990 a oggi, infatti, in occasione del Festival, le strade di Carpineto Romano si animano di quell’arte in grado di abitare ogni angolo urbano, con un percorso che tocca tutti i luoghi storici della parte vecchia del  paese in piena tradizione “baschera”, dando vita a una festa unica di musica e colori. Per il 2018 la direzione artistica sarà affidata alle ScuderieMArteLive di Peppe Casa, con il coordinamento artistico di Linda Fiocco.

 

Uffico Stampa a cura di Marta Volterra

Autore: Redazionale

Condividi