L’ultimo ‘sguardo dal ponte’ su Genova, città di teatri, cultura, pacifica anarchia

L’ultimo ‘sguardo dal ponte’

Genova: città di Teatri più di tante in Italia

Il Carlo Felice, il Teatro della Corte, L’Archivolto, lo Stabile e le sue sale di decentramento. E poi, gli odorosi anfratti di via Prè, l’impareggiabile ostello di San Benedetto al Porto da Andrea Gallo. Il nostro giornale partecipa e introietta con dolore, e rinnovato senso critico-civile, il monito (ennesimo) della tragedia di ieri. Dovuta all’incuria di uomini e istituzioni, lesti di ‘profitto’, tardivi di orrore per se stessi.

Alcuni di quegli spazi erano nei pressi di quell’immane campata venuta giù a sbriciolare persone, edifici, ignari passanti. Articolo 21, associazione a noi vicina, calcola un bilancio di morti, dispersi, sfollati di quasi 500 persone. Ma è tutto in divenire…sia sul versante del danno-umano sia su quello (futuro) delle ricadute economiche: le prime, siatene certi, quelle imposte a istruzione e conoscenza.

Noi, da testata specializzata, non entriamo (almeno adesso) nel merito  delle responsabilità pregresse e presenti. Limitandoci ad abbracciare i colleghi che di sovente ci contattano dalla Liguria fervida e laboriosa, gli artisti e le maestranze di quei luoghi di cultura, spettacolo, pacifica anarchia che direttamente o meno (magari così non fosse..) risulteranno coinvolti nella catastrofe di ieri. Sperando che si facciano vivi al più presto: o che almeno abbiano un unico portavoce che ci rassicuri.

Senza per ciò dimenticare ‘gli altri’ e ritrarci nel nostro ‘orticello’. Salvo non fosse quello “ai confini della realtà” verso Sanremo dove, da giovanissimo, mi rifugiavo presso l’accogliente abitazione di un caro amico cineasta (Gabiele Candiolo), scomparso anni fa e generoso anfitrione dei miei arrivi di primavera in quelle terre. Ad attraversare il Ponte Morandi decine e decine di volte, prima di recarci alle proiezioni della Mostra del Cinema d’Autore (sepolta, come altre,  fra le ‘superflue’ del Mibact). Mai sfiorato da sensazioni di fatalismo e fragilità “in mani altrui”.

Ps Ardito e spedito mi torna in mente adesso un altro ‘mirabolante’ esempio di obbrobrio ambientale, stretto parente del ponte di Genova. Mi riferisco  al viadotto sospeso nel  vuoto che sorvolava, anni fa, la Valle dei Templi di Arigento, a mirabilia dei turisti e scorrimento veloce del traffico diretto a Sciacca. Fu rarissimo e  quasi ignorato caso in cui la Sicilia seppe distinguersi in bene. Allorchè la Procura di competenza mise i sigilli al gingillo acrobatico, bloccandone l’accesso a spericolati  e morituri.

Autore: Angelo Pizzuto

Condividi