Orestiadi di Gibellina 2018: Inaugurazione e Programma

  

 

7 e 8 luglio, al via la 37^ edizione delle

ORESTIADI DI GIBELLINA

1968, niente fu più come prima

nei cinquant’anni dal terremoto del Belice

Domani dalle ore 20,00, Baglio Di Stefano

‘LA LUNGA NOTTE DEL CONTEMPORANEO’:

‘300 grammi’ di Igor Scalisi Palminteri e Angelo Sicurella

‘Gold’ di Gianni Gebbia e Giovanni Scarcella

‘Beat’ di Alessandro Haber e Mario Bellavista

Il corpo nostro è simile ad un giardino’ della Compagnia Franco Scaldati

 

Domenica 8 luglio alle ore 21,15, Baglio Di Stefano

GIOCANDO CON ORLANDO – ASSOLO’:

con Stefano Accorsi

tracce, memorie, letture da Orlando furioso di Ludovico Ariosto secondo 

Marco Baliani

 

Domani s’inaugura la 37° edizione del Festival Internazionale delle Orestiadi di Gibellina (dal 7 luglio all’11 agosto, con la direzione artistica di Alfio Scuderi), con ‘La Lunga notte del contemporaneo’, evento performativo promosso in collaborazione con la biennale d’arte Contemporanea, Manifesta 12, produzione esclusiva per le Orestiadi 2018, immaginata e costruita in occasione del cinquantesimo anniversario del terribile terremoto che distrusse la città di Gibellina, attraverso i diversi linguaggi dell’arte contemporanea, tra parola, danza, musiche e visioni d’arte. Dalle ore 20 in quattro luoghi del Baglio di Stefano – la Terrazza, il Cortile inferiore, la Montagna di sale, il Giardino degli Odori – andranno in scena quattro performance inedite che si intrecceranno tra di loro:

Ore 20,00 ‘300 Grammi’ in Terrazza

Costruzione estemporanea di pittura sonora ideata da Angelo Sicurella e Igor Scalisi Palminteri: ogni passaggio di Igor sulla tela produce un suono che viene campionato e processato in tempo reale da Angelo, che lo filtra e lo manipola fino a creare un tessuto sonoro e visivo simbiotico.

Ore 20,45 ‘Gold’ nel Cortile inferiore

Work in progress basato sulle complesse suggestioni provenienti dall’elemento oro di Gianni Gebbia e Giovanni Scarcella: una performance che richiama fortemente la crisi inequivocabile dei nostri giorni, in bilico tra due sponde, in quella zona di transito dove persistono parallele due forze, quello della ricaduta e quella di una spinta di superamento.

Ore 21,30 ‘Beat’, nel Cortile superiore, sulla Montagna di sale:

omaggio inedito che Alessandro Haber dedicherà alla Beat generation, accompagnato al pianoforte da Mario Bellavista. Haber apparirà sulla montagna di sale di Mimmo Paladino per interpretare una selezione di testi di Jack Kerouac, Lawrence Ferlinghetti e Allen Ginsberg. L’influenza artistica di Jack Kerouac è mondiale, e non è solamente spirituale, ma poetica, tecnica. Ha ispirato Bob Dylan a farsi menestrello del mondo.  Beat, il termine stesso con cui Kerouac definì la generazione di protesta del secondo dopoguerra, esprime il senso di sconfitta – più ancora che il senso mistico di beato, o musicale di ritmo. La sconfitta è quella dell’uomo moderno di fronte alla falsa comunicazione, all’avidità di denaro, alla sete di potere, all’amore della violenza. E quando Ginsberg lanciò il suo Urlo, la sua raccolta di versi, fu in un tentativo di salvare le anime giovani non ancora contaminate dal conformismo di massa

Ore 22,30 ‘Il corpo nostro è simile ad un giardino’ nel Giardino degli odori:

il doveroso omaggio che le Orestiadi dedicano alla poesia e al teatro di Franco Scaldati, già direttore del Festival, curato dalla Compagnia Franco Scaldati diretta da Melino Imparato. Un viaggio dentro il giardino degli odori ci accompagnerà dentro la scrittura dell’autore. Letture di frammenti di testi di Scaldati a partire dalle riscritture di Shakespeare de La tempesta, Macbeth, Otello, navigando tra le cuciture con brani di suoi testi (operazione cara a Franco). In scena, tra gli alberi del giardino, Melino Imparato e Salvatore Pizzullo, accompagnati dai suoni di Michele Cirringione.

Il potere visionario, comico e drammatico della poesia di Scaldati, la musicalità della sua lingua, in un viaggio tra i suoi personaggi più crudi e disperati o le angeliche e innocenti figure del suo teatro. Scompaginazione e reimpaginazione di pagine per raccontare il potere visionario dei suoi testi. Una lingua nuova per un nuovo teatro, come Scaldati amava descrivere il senso della sua scrittura.

Dalle ore 22,30 alle ore 24,00 saranno visitabili gli spazi del Museo delle Trame Mediterranee che ospitano i lavori di ‘Collective Intelligence’, collettivo di 10 artisti che vivono e lavorano in Finlandia, Germania e Palermo, ospitati in residenza dalla Fondazione Orestiadi, da maggio a luglio. Growing a Language è una proposta transdisciplinare del collettivo e comprende una mostra e una serie di performance. Negli stessi orari sarà possibile visitare anche la mostra ‘Trasversalità dello spazio, Luogo di desideri’ realizzata in collaborazione con la Facoltà di Belle Arti dell’Università dei Paesi Baschi di Bilbao.

Domenica 8 luglio, dalle ore 21.15 entriamo nel vivo di uno dei temi principali del nostro Festival, “#ClassicoContemporaneo”, grazie ad un adattamento originale dell’Orlando Furioso con Stefano Accorsi, che giocherà con i versi dell’Ariosto per condurci alla scoperta delle appassionanti avventure di Orlando, sotto la Montagna di sale di Paladino (Baglio di Stefano). Un mondo romanzesco e senza confini abitato da dame in pericolo e cavalieri senza paura, in un rocambolesco viaggio che porterà il pubblico dalla Francia di Carlo Magno fin sulla luna. Uno spettacolo che toglierà il fiato tra duelli e colpi di scena e che avrà sempre al centro la romantica storia d’amore tra la bella Angelica e l’indomito Orlando.

Iniziano così le Orestiadi 2018 che si svolgeranno fino all’11 agosto, attraversando i quattro temi principali: #ClassicoContemporaneo, #QuarantaCinquanta, #CittaLaboratorio, #PoeticamenteSicilia. Il programma mira a rafforzare l’identità delle Orestiadi attraverso l’unicità dei suoi progetti, confermando Gibellina come uno dei poli principali del teatro contemporaneo in Sicilia.

*

ORESTIADI DI GIBELLINA XXXVII edizione

1968 niente fu più come prima

NEI CINQUANT’ANNI DAL TERREMOTO DEL BELICE

7 luglio – 11 agosto 2018

Baglio di Stefano – Cretto di Burri, Gibellina

 

#CONTEMPORANEAMENTE

l’evento d’apertura dal tramonto

 

7 luglio,ore 20,00 – ore 21,00 – ore 22,00 – ore 23,00

Baglio di Stefano: Terrazza, Giardino degli Odori, Montagna di sale, Pozzo

LA LUNGA NOTTE DEL CONTEMPORANEO

evento performativo in occasione di Manifesta 12

300 Grammi performance di ANGELO SICURELLA e IGOR SCALISI PALMINTERI

Gold performance di GIANNI GEBBIA E GIOVANNI SCARCELLA

Beat performance di ALESSANDRO HABER e MARIO BELLAVISTA

Il corpo nostro è simile ad un guardino performance della

COMPAGNIA FRANCO SCALDATI

Produzione esclusiva per Orestiadi 2018

in collaborazione con Presidenza dell’Assemblea Regionale Siciliana

 

#CLASSICOCONTEMPORANEO

quando il classico diviene contemporaneo

 

8 luglio, ore 21,15

Baglio di Stefano, Montagna di sale

GIOCANDO CON ORLANDO – ASSOLO

tracce, memorie, letture da Orlando furioso

di Ludovico Ariosto secondo Marco Baliani

con STEFANO ACCORSI

#SENSORIALMENTE

progetto speciale per il Giardino degli odori

 

9 – 13 luglio

TESSERE GIBELLINA

laboratorio sensoriale a cura di Gabriel Hernández e Pancho García

fondatori del Teatro de Los Sentidos, Barcellona

13 luglio, dalle ore 19,00

Baglio di Stefano, Giardino degli odori

performance, presentazionedel laboratorio sensoriale

Produzione esclusiva per Orestiadi 2018

In collaborazione con Associazione Baccanica

 

#POETICAMENTESICILIA

l’Isola in versi

 

15 luglio ore 21,15

Baglio di Stefano, Corte inferiore

LA GIBELLA DEL MARTIRIO

di Emilio Isgrò

lettura a cura di EMILIO ISGRO’ e FRANCESCA BENEDETTI

musiche di Francesco Pennisi

eseguite dall’ Ensemble Musica Contemporanea

del Conservatorio V. Bellini di Palermo

diretto dal M°Fabio Correnti

 

#INRICORDODIPAOLO

quando il teatro si fa civile

 

19 luglio

Baglio di Stefano, Corte inferiore

ore 19,00

PAROLE D’ONORE

di Attilio Bolzoni
adattamento teatrale di Attilio Bolzoni e Marco Gambino
con MARCO GAMBINO e ATTILIO BOLZONI
regia Manuela Ruggiero

ore 21,15

MALA‘NDRINE

anche i Re Magi erano della ‘ndrangheta

di Francesco Forgione, Bartolo Schifo, Pietro Sparacino

con FRANCESCO FORGIONE e PIETRO SPARACINO

regia di Pietro Sparacino

 

#POETICAMENTESICILIA

l’Isola in versi

 

21 luglio, ore 21,15

Baglio di Stefano, Pozzo

POMICE DI FUOCO

confessioni postume di Ignazio Buttitta

testo e regia di Vincenzo Pirrotta

con FILLIPPO LUNA

musiche eseguite dal vivo da ALESSIO BONDì

Prima nazionale per Orestiadi 2018

in collaborazione con

Festival Teatro dei due mari e Fondazione Ignazio Buttitta

 

 

#CLASSICOCONTEMPORANEO

quando il classico diviene contemporaneo

 

25 luglio ore 18,00

Baglio di Stefano, Terrazza

QUI SONO I MIEI SOGNI
un progetto di CHIARA BAZZOLI scritto con CHIARA CREMASCHI

presentazione documentario a partire dal terremoto del Belice

 

25 luglio ore 19,00

Baglio di Stefano, Terrazza

TRA CLASSICO E CONTEMPORANEO: IL TEATRO, UN LINGUAGGIO UNIVERSALE

incontro organizzato in collaborazione con

Festival Miti Contemporanei e INDA, Istituto Nazionale del Dramma antico

 

 

#QUARANTACINQUANTA

1968/1978/2018

 

27 luglio, ore 21,15

Baglio di Stefano, Corte inferiore

LE STANZE DI ULRIKE

la rivoluzione inizia a primavera

di e con SILVIA AJELLI

regia di Rosario Tedesco

Prima nazionale per Orestiadi 2018

in collaborazione con Teatro Biondo di Palermo

 

28 luglio

ore 19,00

Baglio di Stefano, Terrazza

L’ESTATE DEL ‘78

presentazione del libro di ROBERTO ALAJMO

incontro con l’autore

ore 21,15

Baglio di Stefano, Corte inferiore

CORPO DI STATO

Il delitto Moro una generazione divisa

di e con MARCO BALIANI

drammaturgia e regia Maria Maglietta

 

29 luglio

ore 19,00

Baglio di Stefano, Terrazza

1968/1978: UNA GENERAZIONE DIVISA?

ne parlano MARCO BALIANI e CALOGERO PUMILIA

ore 21,15

Baglio di Stefano, Corte inferiore

LA FANTASIA AL POTERE

1968/1978, musiche e storie di una generazione

con PAOLO BRIGUGLIA e FABRIZIO ROMANO

musiche arrangiate ed eseguite da DIEGO SPITALERI e DARIO SULIS

con GIUSEPPE COSTA E PINO PATTI

 

#CITTA’LABORATORIO

osservatorio artistico rivolto ai giovani artisti under 35

 

3 agosto, ore 21,15

Baglio di Stefano, Corte inferiore

ELLE life show

conDARIO MANGIARACINA, CHIARA MUSCATO,

MARCELLA VACCARINO, GISELLA VITRANO

regia Dario Muratore

musiche Dario Mangiaracina

Premio #cittalaboratorio 2017 – Anteprima nazionale

progetto in collaborazione conComune di Palermo, Teatro Biondo di Palermo

 

4 agosto, ore 21,15

Baglio di Stefano, Corte inferiore

CON TUTTO IL MIO AMARE

scritto e diretto da Gabriele Cicirello

con FEDERICA ALOISIO, GABRIELE CICIRELLO, VALERIA SARA LO BUE

scene: Giulia Santoro

Menzione speciale #cittàlaboratorio2017

progetto in collaborazione conComune di Palermo, Teatro Biondo di Palermo

 

#CLASSICOCONTEMPORANEO

quando il classico diviene contemporaneo

 

10 agosto, ore 21,15

Baglio di Stefano, Corte inferiore

NOTTURNO MACBETH

dal libro notturno di Franco Scaldati

con SERENA BARONE, AURORA FALCONE, GIUSEPPE TARANTINO

scene e costumi di Enzo Venezia

progetto video a cura di Michele Ambrose

regia di Umberto Cantone

Prima Nazionale per Orestiadi 2018

 

#CINQUANTANNIFAGIBELLINA

15 gennaio 1968

 

11 agosto, ore 19,00

Cretto di Burri

LA CITTA’ INVISIBILE: IL CRETTO

Le città possibili al Cretto

omaggio alle vittime del Terremoto a cinquant’anni dall’evento

un progetto di Alfio Scuderi Ispirato all’opera di Italo Calvino

performance di memorie e narrazioni itineranti dentro il labirinto

con la partecipazione di LEO GULLOTTA e CLAUDIO GIOE’

produzione esclusiva per Orestiadi 2018

 

IL FESTIVAL, FUORI DAL FESTIVAL:

 

25 luglio ore 21,15

Baglio di Stefano, Montagna di sale

EDIPO RE

da Sofocle

spettacolo degli allievi del terzo anno dell’

Accademia del Dramma Antico

con VINCENZO PIRROTTA

adattamento e regia di LUCA BARGAGNA

ospitato in collaborazione con

Fondazione INDA,Istituto Nazionale del Dramma Antico

Assessorato Regionale del Turismo per Anfiteatro Sicilia

 

5 agosto ore 21,15

Baglio di Stefano, Montagna di sale

TEATRO DEL FUOCO ONE SHOW

ospitato in collaborazione con

International Firedancing Festival – 11^ edizione

 

31 luglio ore 21,00

Baglio di Stefano, Montagna di sale

LA MUSICA E LA LUNA

osservatorio musicale per amanti della luna

musiche di Nino Rota

Concerto dell’ORCHESTRA SINFONICA SICILIANA

Direttore: NICOLA MARASCO

ospitato in collaborazione con

Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana

Assessorato Regionale del Turismo per Anfiteatro Sicilia

 

8 agosto ore 21,00

Baglio di Stefano, Montagna di sale

LUNA PAZZA

di Gaetano Aronica da Luigi Pirandello

con GAETANO ARONICA, LIVIA BONIFAZI, ALESSANDRA FALLUCCHI,

ROBERTO M. IANNONE, PIPPO MONTALBANO, ROSA MARIA MONTALBANO,

ROBERTO NEGRI,YAMILA SUAREZ, LUIGI TANI, ELENA URSITTI

regia di GAETANO ARONICA

ospitato in collaborazione con

Teatro Luigi Pirandello di Agrigento

Assessorato Regionale del Turismo per Anfiteatro Sicilia

 

 

Ingresso intero   € 12,00 – Ingresso ridotto    €   8,00 (Studenti universitari – in possesso di libretto in corso di validità – Giovani under 25Adulti over 65 – Possessori PMO card – Residenti nel Comune di Gibellina – Soci Unpli – ABBONAMENTO    € 65,00

 

PREVENDITE PALERMO: Modusvivendi (via Quintino Sella, 79 – Tel. 091 323493) e Libreria Easy Reader (via Alessandro Paternostro, 71 Tel. 091585223)
PREVENDITE TRAPANI: Libreria del Corso, Corso Vittorio Emanuele, 61 Tel. 0923 26260

 

È possibile acquistare i biglietti al botteghino delle Orestiadi a partire dalle ore 18.30

Info e prenotazioni mail segreteria@orestiadi.it  tel 092467844  

 

Per info www.fondazioneorestiadi.it

 

Ufficio stampa: Claudia Scuderi – 3202346796 – claudiascuderi.media@gmail.com Gabriele Lo Piccolo – 3204424268 – info@gabrielelopiccolo.it

Autore: Redazionale

Condividi