43° Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano: omaggio a Lord Byron

  

Conversation Pieces

l’omaggio a Lord Byron di Marco Filiberti

dal 27 luglio al 43° Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano

Teatro Poliziano – Montepulciano

27-28 luglio ore 21.30 – 29 luglio ore 18.00

CONVERSATION PIECES

Accadimento in un atto unico di Marco Filiberti

da Cain e Manfred di George Gordon Byron 

Con

Stefano Guerrieri Caino/Manfred

Matteo Tanganelli Abele/Lucifero

Diletta Masetti Spirito della Bellezza/Spirito della Conoscenza

Scene Benito Leonori

Light Designer Alessandro Carletti

Sound Designer Stefano Sasso

Visual Designer Mario Spinaci

Costumi Patricia Toffolutti 

Coreografie Emanuele Burrafato

Musiche originali Fabrizio Festa

Regia Marco Filiberti

Coproduzione 43° Cantiere Internazionale d’Arte, Ravenna Festival, Le Vie del Teatro in terra di Siena

Si segnala il debutto del nuovo spettacolo scritto e diretto da Marco Filiberti, Conversation Pieces, venerdì 27 luglio al 43° Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano – Teatro Poliziano (repliche sabato 28 e domenica 29).

Frutto dell’adattamento del poema Manfred (che decretò il successo teatrale di Carmelo Bene) e dell’opera in versi Cain di George Byron, l’accadimento teatrale è un ispirato e visionario omaggio al più influente tra i poeti romantici inglesi, la cui esperienza letteraria e biografica è da considerare – dice Filiberti – una delle più sconcertanti avventure conoscitive nelle quali oggi si possa incorrere.

Autore di sorprendente attualità, Byron infatti sembra anticipare profeticamente il deserto post ideologico contemporaneo e il malessere spaesato dell’uomo occidentale, privato dei suoi archetipi culturali e costretto a pellegrinare in una no man’s land pervasa da segnali apocalittici.

In anni di sterilizzazione tecnologica, in cui anche la giovinezza è stata omologata ad anarchica apatia e l’Eros deflagrato nella categoria della pornografia tout court, Filiberti mostra la civiltà euro-colta nel suo momento di rottura e vi contrappone una trascinante esuberanza dei personaggi, avvolti da un’irrefrenabile corrente erotica, sacrario sopravvissuto all’omologante imbarbarimento dei nostri giorni.

Antonella MUCCIACCIO | Ufficio stampa Le vie del Teatro in Terra di Siena

c +39 347 4862164 | @ amucciaccio@fastwebnet.it

 

Autore: Redazionale

Condividi