Uto Ughi in un romantico concerto al Bellini di Catania

  

Uto Ughi in un romantico concerto al Bellini di Catania

Uto Ughi

Sotto una tettoia di ombrelli gocciolanti, assiepata dietro le porte del Teatro in attesa, una folla trepidante e ansiosa di ascoltare la magica voce di un violino leggendario. Il maltempo ha imposto uno spostamento al chiuso del concerto di apertura originariamente scelto al Teatro greco-romano per inaugurare la stagione estiva del Teatro Massimo Bellini, con un nome altisonante che ha gremito la splendida sala e i palchi di uno dei più bei teatri d’Italia.

 Uto Ughi, musicista tra i massimi esponenti della scena musicale internazionale contemporanea, e il suo decantato violino hanno deliziato i musicofili eseguendo in un appassionante concerto un celebre repertorio del tardo ottocento, dal Concerto in re maggiore, op.35 di Čajkovskij, composto nel 1878, uno degli anni più felici per le sue composizioni, che con la Quinta Sinfonia in mi minore, op.64 costituisce una delle pagine più emozionanti del grande compositore russo, segnato da un destino avverso che risplende nelle note di queste struggenti sinfonie. A chiusura della sua esibizione il Maestro Ughi ha impreziosito il concerto con alcune esecuzioni magistrali fuori programma, tra cui non potevano mancare Bach e Paganini, con il suo capriccio n. 24. I virtuosismi e l’impeccabile esecuzione hanno scatenato impetuosi e scroscianti applausi. Il pubblico a malincuore e ob torto collo ha salutato con prolungate ovazioni l’uscita di scena di una delle personalità più apprezzate proposte del ricco cartellone che il Bellini ha offerto in questo ultimo anno, sempre difficile dal punto di vista amministrativo. Non possiamo non plaudire all’impegno profuso dai professori d’orchestra, nonostante la situazione contrattuale non si appiani.

L’orchestra, elogiata pubblicamente dal Maestro Ughi per la sua competenza esecutiva, diretta con impetuoso e attento vigore da Salvatore Percacciolo ha accompagnato nella prima parte il grande violinista con perizia e partecipazione, eseguendo poi magistralmente nella seconda parte la Quinta sinfonia.

Un ottimo esordio, nonostante le difficoltà organizzative di una dislocazione improvvisata che hanno comunque esaltato l’accoglienza calorosa ed entusiasta del pubblico catanese, accorso in massa, nonostante le intemperie e le code estenuanti, a gustare la sua musica dal vivo, secondo le preferenze del famoso violinista, che più che registrare, preferisce esibirsi in un più coinvolgente contatto umano.

*

CONCERTO

di UTO UGHI

Direttore Salvatore Percacciolo

con l’Orchestra del Teatro Massimo Bellini di Catania

Produzione Teatro Massimo Bellini Catania

Al Teatro Massimo Bellini di Catania

Autore: Anna Di Mauro

Condividi