I prevedibili effetti dell’urbanistica “contrattata” (in margine al caso Parnasi)

  

IRRUZIONE  SU CORRUZIONE.

 

I prevedibili effetti dell’urbanistica “contrattata”

Sport, turismo, spettacolo sono le cartine al tornasole della politica culturale” (Giorgio Bocca)

°°°

Un anno fa, sulla vicenda (romana e no)  “Parnasi”, ci eravamo posti delle domande che reiteriamo:

  • Roma sarà, come i missili, a 4 stadi?
  • Il sito dello stadio, ipervincolato, ha avuto il parere della Soprintendenza?
  • I grattacieli previsti serviranno per contenere i tifosi ubriachi?
  • Lo stadio avrà (oppure è) funzionali opere di urbanizzazione?
  • L’urbanistica contrattata è un metodo previsto ed approvato dall’ANAC?

Le risposte che non giungono dalla politica, come al solito, giungono dalla magistratura.

La molla della corruzione è nella volontà di lasciare le città senza strumenti urbanistici, per poter realizzare progetti estemporanei che si appropriano delle prerogative e delle risorse dell’intera collettività. A  volte anche delle proprietà altrui.

Personaggi, che un tempo erano definiti faccendieri, riescono ad entrare in tutte le consorterie politiche, elargendo miserie di mance e/o incarichi, per ottenere (per sé e mandanti) enormi benefici, creando inoltre danni incalcolabili al futuro delle nostre città. Senza speranza.

Autore: Francesco Nicolosi Fazio

Condividi