‘Todos lo saben’ di Asghar Farhadi, primo film prima delusione a Cannes 2018

,   

‘Todos lo saben’ di Asghar Farhadi, primo film prima delusione a Cannes 2018

 

In più di due ore di proiezione, l’ottavo lungometraggio di Asghar Farhadi, regista di film entusiasmanti e pluripremiati come Una separazione e Il passato, ha comunicato soprattutto una sensazione di noia suscitando anche, a momenti, una certa irritazione per il bizantinismo di un ritratto familiare composito e polifonico: tanti personaggi, tanti caratteri e tante microsituazioni che gradualmente s’intersecano e si sovrappongono. L’interminabile prima parte di fatto gira a vuoto su se stessa. La coralità di una famiglia fotografata nel movimento e nel chiasso della vita risulta priva di intensità, paradossalmente fredda e superficiale.

Javier Bardem e Penelope Cruz in ‘Todos lo saben’

È molto difficile dare densità e carattere ai personaggi mantenendo un tocco leggero. Per questo la prima parte non riesce a fare da contrappunto alla seconda, più drammatica e in teoria più introspettiva, dedicata all’affioramento dei segreti domestici. Il fulcro narrativo è il rapimento della figlia adolescente, un evento che a poco a poco abbatte la struttura della famiglia e svela la natura dei suoi membri.

Autore: Redazionale

Condividi