Sorellanza e vibratori: il segreto del successo di Grace and Frankie

,   

Sorellanza e vibratori: il segreto del successo di Grace and Frankie

Il 19 gennaio è uscita su Netflix la quarta stagione di Grace and Frankie, la serie scritta da Howard J. Morris e Marta Kauffman, già autrice di Friends.

In un mercato delle serie tv come quello attuale, in cui primeggiano attrici e attori con un’etàcompresatra i 18e i 45 anni, un progetto come questo, con protagoniste due settantenni, poteva sembrare (almeno sulla carta)  rischioso. Invece, contro ogni aspettativa si è rivelato un successo, con un pubblico numeroso ed eterogeno.

La ragione principale è sicuramente la straordinaria sintonia tra Jane Fonda e Lily Tomlin, che regala momenti di puro divertimento ma anche di intensa emozione. Le due donne infatti nella realtà sono amiche da decenni, da quando cioè si sono conosciute sul set di Dalle 9 alle 5…orario continuato (1980).

Nella prima puntata le due protagoniste scoprono che i rispettivi mariti hanno una relazione tra di loro da 20 anni. Dopo un momento iniziale di shock decidono di reagire e di andare ad abitare insieme nella casa al mare acquistata da tutti e quattro. La loro sembra una decisione temporanea dettata dalla disperazione in attesa di una soluzione più adeguata, ma pian piano le due donne scoprono di non stare per nulla male insieme e così i pochi giorni preventivati diventano anni.

Frankie e Grace dimostrano che indipendentemente dall’età c’è sempre speranza e possibilità di cambiare la propria vita. Le due donne seppur diverse (una manager e salutista, l’altra artista, confusionaria che ogni sera fuma marijuana) condividono la voglia di vivere, di non prendere mai nulla sul serio e di mettersi continuamente in gioco. Il loro è un rapporto unico, fatto di sorellanza, amicizia ma anche amore, seppur non erotico.

La serie scardina alcuni luoghi comuni, come quello di considerare le donne anziane corpi desessualizzati, che al massimo aspirano a tenersi la mano con il proprio partner. E anche a livello di rappresentazione cinematografica non è usuale vederle  fare l’amore sullo schermo. Sempre in ambito erotico, una delle folli trovate delle due protagoniste per esempio è quella di aver creato una linea di vibratori per donne mature, perché non è giusto che l’artrite tolga il diritto di provare piacere.

La serie però affronta un altro aspetto degno di nota, che è quello della famiglia non convenzionale, che oggi è sempre più presente anche nella nostra società. Figli adottati, genitori omosessuali, ex e attuali compagni che trascorrono gioiosamente del tempo insieme. Le due famiglie di Grace e Frankie non si reggono su legami stereotipati ma su rapporti autentici sempre in divenire, dove il denominatore comune è l’amore e la piena accettazione.

Autore: Simona Almerini

Condividi