Un mattatore dietro le quinte. Pippo Pattavina al Brancati di Catania

,   

Un mattatore… dietro le quinte

Il protagonista di questo garbato monologo, scritto, diretto e interpretato dall’attore-regista-drammaturgo Pippo Pattavina, presenza teatrale storica di Catania, città votata al teatro, è il “camerino”. Il camerino dell’attore, sissignore, dove l’artista attende con crescente emozione il fatidico “Chi è di scena!”, per iniziare il suo spettacolo.

Nelle ore trascorse in questo mitico, polveroso, amato limbo che cosa fa l’attore mentre attende appunto di entrare in scena? Svelamento: l’attore si concentra, ripassa la parte, pensa, ricorda, sogna, spera, riposa. A volte dorme. E’ la sua seconda casa… Ecco rivivere davanti agli incuriositi spettatori-voyeurs vecchie gags e macchiette, sketchs, riflessioni ad alta voce, a cui Pattavina generosamente dà vita, traslando storicamente dalla comicità di vecchio stampo dei fratelli De Rege alla maschera intramontabile di Ridolini, con brevi incursioni nel Varietà, vecchi stilemi dove l’umorismo è affidato alla parola storpiata dall’ignoranza, canzoni dal sapore nostalgico, dove ”il tempo che fu” trapela tra un battito di ciglia e una lacrima trattenuta tra le spolverate reminiscenze. Pizzicando le corde del sentimento l’attore passa agevolmente dal comico al drammatico, al recitato, al cantato, dispiegando le sue doti per qualche ora di serena e complice condivisione, giocando tra la finzione e la realtà, facendo sorridere, ridere, commuovere, intrecciando bonariamente la sua vita con la storia di un paese che vuole ancora sperare.

Quando tuonerà dall’alto il fatidico “Chi è di scena!” che paradossalmente chiude lo spettacolo, ci accorgiamo che il tempo è volato. Magia del teatro…

*****

SIGNORI…CHI E’ DI SCENA!

di Pippo Pattavina

con Pippo Pattavina

Santo Pennisi

Al pianoforte il Maestro Nino Lombardo

Regia di Pippo Pattavina

Scene e costumi di Giuseppe Andolfo

Luci di Sergio Noè

Produzione Teatro della Città

Al Teatro “Vitaliano Brancati” di Catania fino a Domenica 25 Febbraio

Autore: Anna Di Mauro

Condividi