Canti suicidi di Goethe e de Musset. Giancarlo Sepe e “Werther a Broadway”. Teatro La Comunità, Roma

,   

Canti suicidi di Goethe e de Musset

Giancarlo Sepe mette in scena “Werther a Broadway”

Roma, Teatro La Comunità

 

La cognizione del dolore è trauma- ed unica arma contro l’annichilimento che esso comporta  (a.p. ‘Appunti sparsi’)

°°°°

Suggestiva ma non inedita, la ‘fuga’ oltreoceano degli antieroi europei   (di genitura  sassone, germanica, austroungarica…i mediterranei vi emigravano) ha almeno un illustre antecedente nel kafkiano (ed incompiuto) “America”, da cui Maurizio Scaparro, una ventina d’anni or sono, ricavò uno dei suoi spettacoli più riusciti, divertenti, speditamente  “incosciente e depensato” come il giovane Karl Rossmann,  alter ego sognato e mai avveratosi dello scrittore praghese.

Analoga operazione compie adesso Giancarlo Sepe, colto, raffinato regista ed esegeta di promiscui linguaggi scenici,  pur sempre  intrigato da quegli impeti di gioventù “illimitata”, tumultuosa, infelice, di cui Schiller ed Hofmannsthal  restano  probabilmente gli alfieri più veementi. E, con essi – per completamento successivo – il nomade Leopardi, che  diede scansioni liriche  alla  fragilità, al “venir meno” di quella  età breve, ma trafitta a perdifiato.

Al dunque,  “Werther a Broadway”  riscrive e trasvola il romanzo epistolare che  Wolfgang Goethe, allora venticinquenne,  consacrò alla più tragica (seriamente tragica, crudele, mai sdilinquita) delle cognizioni  del dolore espresse dall’anima polimorfa  dello ‘sturm und drang’ – cui si annette il fervente ma dimenticato bozzetto drammaturgico di Alfred de Musset (“Non si scherza con l’amore” del 1834),   ove crimini del cuore e suicidi per disillusione hanno lo speculare e femminile vessillo d’una giovinetta  parigina.

Forte della propria capacità di sintesi (quasi “epifania” d’altri dolori che storia e cultura del novecento dispenseranno  a piene mani) l’allestimento di Sepe è un elegante ma non folgorante  esercizio di stile:  mix di teatro immagine, musicale e moderatamente dialogato-poliglotta-intersecato dalle universali  melodie di  Gershwin, Shubert, Britten e tanto Kurt Weill (le note di  “Alabama song” mi pare si ripetano più volte). Suddiviso per blocchi progressivi (e autonomi), a partire dalla dissacrante,  scoperchiata lapide su cui sta inciso  il nome di Werther, presto  folgorato  dalle pur caduche e resistibili ‘baldorie’ in terra effimera.

Tenue e seducente quale  schizzo pittorico d’un  riconosciuto  maestro del teatro  non convenzionale, autoctono e sempre a rischio di sfratto,  l’entracte  di Sepe  (che a noi rivela un attore semiesordiente della qualità e potenzialità di Marco Imparato) ha qui il sapore di una prova di  allenamento e  alleggerimento, ferrato e di alta classe, dopo realizzazioni più complesse , articolate, impegnative (“Washington Square”, “Abecedario americano” primi titoli del trittico), specie per  il “lavoro”  di immaginazione, tessitura drammaturgica, composizione iconografica. 

“Povera”  – in questo caso – ma infallibile nella sua capacità di inventare atmosfere immerse nello  ‘spessore’ enigmatico del sogno e dei sogni.  Quelli che, si sa, muoiono all’alba e poi riprendono a vivere in altre menti, bizzarre  e impalpabili staffette dell’inconscio.

°°°°

“Werther a Broadway”

Ideazione e regia di Giancarlo Sepe. Scene di Alessandro Ciccone. Costumi di Lucia Mariani. Musiche di Davide Matrogiovanni a cura di Harmony Team. Disegno Luci di Guido Pizzuti. Interpreti: Marco Imparato, Sonia Bertin, Massimiliano Auci, Adele Tirante, Federica Stefanelli. Roma, Teatro La Comunita (sino al 28 febbraio)

Autore: Angelo Pizzuto

Condividi