Teatro di Roma. Giornata della Memoria. Iniziative dal 27 gennaio….

,   

Giornata della Memoria

Teatro di Roma

 

Spettacoli, musica, film, dibattiti:

gli appuntamenti programmati dal Teatro di Roma per il 27 gennaio nelle sale di

Argentina, India e Villa Torlonia

°°°°

Il viaggio della memoria inizia dal Teatro di Villa Torlonia, martedì 23 gennaio con Che non finiscano mai né la sabbia né il mare, reading di poesia ebraica in forma di concerto da un’idea di Maria Inversi. La Shoah attraverso la bellezza dei versi di poeti e poete, che si fanno parola, canto e suono, per superareconfini religiosi, lingua e appartenenza culturale, e che, nonostante le dure esperienze, hanno mantenuto carattere di lievità tale da dimenticare luoghi e condizioni in cui furono scritti.In scena una galleria di poeti tradotti dall’ebraicocome HannahSzenes, Aba Kovner, Dan Pagis, Pavel Friedmann Pavel, ItzahakKazenelson, Jacob Barzilai, MiklòsRadnóti; con omaggi a Nelly Sachs, Marina Cvetaeva, Anna Achmatova.

Si prosegue da mercoledì 24 a venerdì 26 gennaiocon Lo Sguardo Oltre Il Fango, dramma musicale ispirato al romanzo “Il bambino con il pigiama a righe” di John Boyne, da un’idea del Maestro SimoneMartino e del poeta Lorenzo Cioce, diretto da Giovanni Deanna. In scena 12 artisti che si esibiranno live accompagnati da un violino per raccontare la storia di amore tra Ziva, una ragazza ebrea polacca deportata con la sua famiglia in un campo di concentramento, e il giovanetedesco Peter, figlio del comandante SS del lager.

Segue sabato 27 gennaiola proiezione del film Son morto che ero bambino. Francesco Guccini va ad Auschwitzdi Nene Grignaffini e Francesco Conversano (2017, 67’), documentario che racconta la visita del cantautore e di una classe di studenti bolognesi al campo di sterminio. Oltre che una canzone del 1966, “Auschwitz” è la meta del viaggio che Guccini intraprende nel marzo del 2016 con Vescovo di Bologna, Monsignor Matteo Maria Zuppi, e con la classe 2°B della scuola media Salvo d’Acquisto di Gaggio Montano. Partenza da Milano Centralecon “Il treno per la Memoria” dal binario 21, luogo da cui ebbe inizio l’orrore della Shoah per il capoluogo lombardo. Da qui in tanti partirono, tra il 1943 e il 1945, in pochissimi tornarono.

Si continua domenica28 gennaio con un doppio appuntamento: alle ore 17 con Furio Colombo, Roberto Giardina, Antonella Ottai, moderati daSiegmund Ginzberg, perla conferenza spettacolo Comici nei campi nazisti, tratta dal saggio Ridere rende liberidella stessaOttaie dallo spettacolo Grotesk! di Bruno Maccallini e Ottai, di cui seguono frammenti di scena alle ore 19, per raccontare un aspetto poco conosciuto della Shoah: il comico in“quell’inferno” come massima espressione di resistenza. Un’indagine sul panorama storico teatrale della Berlino alle soglie degli anni 30che ritraela condizione dei cabarettisti ebrei nei ghetti e nei campi nazisti, dove continuarono a realizzare spettacoli anche per i loro aguzzini.

Al Teatro Argentina, fino al 20 gennaio, Jacob Olesen veste i panni di Primo Levi in Primo, recital teatrale diretto da Giovanni Calò per far rivivere l’intensità e la leggerezza della parola e del pensiero di Se questo è un uomo.Sul palcoscenico il racconto della sua esperienza nel campo di concentramento di Auschwitz, le atrocità, ma soprattutto momenti di vita quotidiana, di distensione, di sogno, per conservare la carica umana dei personaggi, anche se consumati dalla violenza e dal conflitto permanente al quale cercavano di sopravvivere.

Al Teatro India, dal 31 gennaio all’1 febbraio, Fabrizio Saccomanno e Redi Hasa con Shoah, frammenti di una ballata, le storie di quattro bambini e adolescenti, abbandonati a loro stessi dopo la deportazione dei genitori, al tempo della Shoah in Ucraina, Ungheria, Polonia, Italia tra il 1942 e il 1946. Attraverso i loro occhi si raccontata la Storia che ha portato al potere il nazismo, le leggi antisemite, la vita nei campi di sterminio, fino alla liberazione e all’accoglienza dei profughi in alcune località della Puglia.

Infine, dal 14 al 18 marzoTante facce nella memoriatratto dalle registrazioni raccolte da Alessandro Portelli, sei storie di donne partigiane e non che nel ‘44 vissero l’eccidio delle Fosse Ardeatine, feroce rappresaglia dopo il tragico attentato di via Rasella del 23 marzo 1944. Curato da Mia Benedetta e Francesca Comencini, lo spettacolo mette in scena le voci di queste donne, le loro testimonianze, la loro storia che si ricongiunge e si intreccia con la parte di una storia d’Italia e di Roma in particolare, una delle pagine più drammatiche e significative del nostro tempo.

 

*Ufficio Stampa a cura di Amelia Realino

Autore: Redazionale

Condividi