Nuovo anno. Lettera aperta a Mattarella (e ai connazionali)

  

 

Nuovo anno

 

Lettera aperta a Mattarella (e ai connazionali)

 

Caro Presidente,
è vero che l’Italia è un paese dalle molte qualità, ma anche dalle molte contraddizioni. Dunque, posso consentirmi di affermare che conosco un paese diverso da quello che lei ha persino troppo brevemente raccontato nel suo messaggio di Capodanno. Non è soltanto un paese “generoso e solidale”. È anche un paese dove c’è risentimento, dove ci sono lamentazioni, invidie, corporativismi. Perché non ricordarglielo, agli italiani, che non saranno mai i loro egoismi personali, delle loro associazioni, delle loro municipalità e regioni, a fare crescere economicamente il paese e socialmente un po’ tutti, a cominciare dai giovani. Certo ai giovani dobbiamo cercare di offrire almeno le opportunità che abbiamo avuto noi, ma smettiamo di caricarli di responsabilità e di blandirli alquanto ipocritamente. Mi chiedo, poi, e rispettosamente le chiedo, che cosa dovremo dire a quegli 800 mila giovani che hanno visto sfuggire sotto i loro occhi il conseguimento della cittadinanza italiana poiché troppi parlamentari irresponsabili hanno anteposto a un voto controverso le loro convenienze elettorali?

Spesso i nuovi ragazzi del Novantanove non hanno memoria e hanno studiato poco e male la storia perché poco e male gliela hanno insegnata. Che cosa potranno scrivere sulla pagina bianca della scheda elettorale di marzo è impossibile saperlo. Né può bastare loro il suo davvero vago invito, caro Presidente, a partecipare. Quella legge elettorale che lei loda perché è omogenea per entrambe le Camere (mi sfugge davvero quanto importante sia questo pregio, l’unico rivendicabile) concede a loro e noi, vecchi abituali esperti e sperimentati elettori, un potere minimo: con una crocetta diamo una delega in bianco a candidati, nominati e paracadutati, e ai partiti.
Lei ha detto e, personalmente, sono d’accordo e apprezzo, che la politica deve guidare, guiderà il cambiamento. Spero, anzi, sono convinto che nei molti, immagino, colloqui con gli esponenti del governo e dei partiti, lei vada oltre una soffice moral suasion che dai partiti e dai loro capi viene regolarmente interpretata come un buffetto e via. Ci vuole davvero un atto di immeritata fiducia per ritenere che quei partiti con la loro politica, che abbiamo visto, siano in grado di guidare il cambiamento. Sì, lo so che il Presidente della Repubblica deve stare al di sopra delle (litigiose) parti, però, entro certi limiti ha anche il dovere di intervenire pubblicamente tutte, ma proprio tutte, le volte che qualcuno vada non solo contro la Costituzione, ma anche, furbescamente, fuori dai binari costituzionali. Non sfugge certamente a Lei, già giudice costituzionale, che, oltre al rispetto della lettera, è indispensabile che vi sia rispetto anche dello spirito della Costituzione e non solo perché compie settant’anni di vita ben vissuta.

Sì, tuttora buona parte del futuro dell’Italia trova un percorso disegnata con grande preveggenza dai Costituenti. Seguendo quel percorso andremo nella direzione giusta: partecipazione, diritti, lavoro. Tuttavia, signor Presidente, mi sarei aspettato da lei che ricordasse con la sua autorevolezza e con vigore, facendo ricorso alle parole di un uomo politico che le deve essere stato caro, che il futuro non è più, già da qualche decennio, soltanto “nelle nostre mani”. Il futuro dell’Italia, nel bene, che è molto, e nel male, che pure c’è, si costruisce nell’Unione Europea osservando i suoi trattati e, eventualmente, tentando di cambiarli per andare avanti. E chi, se non i giovani, può avere maggiore interesse al futuro dell’Europa che c’è e di quella che potrebbe esserci? Sono fiducioso, caro Presidente, che lei leggerà queste considerazioni, “realistiche e concrete”, che il suo discorso mi ha suscitato.

 

*Dal blog di Gianfranco Pasquino (che ringraziamo), noto politologo, docente ed ex parlamentare

Autore: Gianfranco Pasquino

Condividi