Saper giocare è sapersi fermare al momento giusto

Il gioco della vita con Dostoevskij allo Stabile di Catania

°°°°

Saper giocare è anche saper scommettere al momento giusto.

La passione del gioco d’azzardo sembra essere l’argomento de “Il giocatore”, coinvolgente commedia dolce-amara dall’omonimo romanzo di Fëdor Dostoevskij, in scena in questi giorni al Teatro Verga di Catania.

Dicevamo sembra. In effetti il gioco in questo apprezzabile adattamento di Vitaliano Trevisan  è metafora e diventa altresì  gioco dello scrittore con i suoi personaggi, gioco delle vite intrecciate tra vizi, virtù, passioni, discriminazioni sociali, in un affresco elegante e scoppiettante, ricco di effetti scenografici, ampiamente dispiegati tra due palchi contigui, in una prospettiva dinamica e suggestiva, da cui i personaggi, avvolti in fogge di squisita eleganza  e pregnanza scenica, colti in una dimensione atemporale, emergono e scompaiono in un fluire ininterrotto di scene corali, monologhi, alterchi a più voci, senza mai cedere nei ritmi e nelle convergenze dinamiche, efficacemente scolpiti nelle loro forme pirandelliane, da cui non  si discostano mai, in un carosello senza soste.  A far da cornice e trait d’union lo scrittore russo, mentre detta il romanzo, che intanto si svolge davanti ai nostri occhi, alla giovanissima stenografa Anna.

In preda al vizio del gioco egli stesso, Dostoievskij  nei suoi scritti ha potentemente  esplorato le pieghe riposte e segrete dell’animo umano innestandoli in storie estreme o di grande tensione.

Ne “Il giocatore”  teatrale, per la regia di Gabriele Russo, i cunicoli della fascinazione del gioco d’azzardo, esplorati in tutte le forme e in tutte le dimensioni sociali, diventano esemplare metafora, pretesto per raccogliere e mostrare i sintomi di un degrado, percepito dagli intellettuali di fine ‘800, estensibile ad ogni epoca perché intrinseco nell’ascosa avidità dell’animo umano, miseramente inghiottito dalla cupidigia e dai falsi idoli.

Denaro e  potere, tentazioni-vessillo, ossimori della felicità, varcano le soglie  della miseria dell’umile, inutilmente colto Aleskej, precettore di una illustre famiglia in rovina da cui aspira inebriato gli afrori di una condizione sociale a lui negata, persino l’amore della figlia del Generale Polina. Tra alterne vicende si consuma la speranza dell’ingenuo giovanotto, fino al  mesto epilogo.

“Il  giocatore”, pubblicato nel 1866, venne dettato, per sanare  velocemente debiti di gioco, in poco meno di un mese da Dostoevskij  alla sedicenne  stenografa Anna Grigo’revna che diverrà sua moglie, rimanendogli accanto per tutta la vita, cercando di far quadrare i conti di un bilancio che il marito mandava regolarmente all’aria giocando alla roulette. Il romanzo fu  una bella scommessa che Dostoevskij vincerà con l’editore reclamante e con la futura moglie.

Le singolari circostanze in cui fu scritta l’opera, diventano per Trevisan inscindibili, consustanziali all’inestricabile trama drammaturgica  della vita/romanzo dello scrittore russo.

La passione/ vizio esplorata nelle sue propaggini e nella sua triste conclusione  riceverà nella trasposizione teatrale un esito addolcito dal ”lieto fine” matrimoniale della cornice.

Il dispiegamento di effetti scenografici, la trama allusiva e sottilmente intrecciata, l’interpretazione ineccepibile, l’estensione al significato esistenziale delle scelte di vita, del narrato e del vissuto, fanno di questa pièce un gradito omaggio alla letteratura e al teatro, in una felice contiguità che ci lascia amaramente soddisfatti. E’ il gusto della vita.

°°°°

 

Il giocatore

da Feodor Dostoievskij

Adattamento teatrale di Vitaliano Trevisan

 

Regia  di Gabriele Russo

Scene di Roberto Crea

Costumi di Chiara Aversano

Disegno luci di Salvatore Palladino

Movimenti scenici di Sebastiano Gavasso

 

Con

Daniele Russo, Marcello Romolo,Camilla Semino Favro, Paola Sambo,

Alfredo Angelici, Martina Galletta, Alessio Piazza, Sebastiano Gavasso.

Coproduzione Fondazione Teatro di Napoli-Teatro Bellini,Teatro Stabile di Catania.

 

Al Teatro Verga di Catania fino al 26 Novembre

Autore: Anna Di Mauro

Condividi