La MaMa a Spoleto- 9 luglio, triplice rappresentazione al Cantiere Oberdan

 

La MaMa  a Spoleto

 

 

CANTIERE OBERDAN

Una triplice rappresentazione

°°°°

Domenica 9 luglio, in triplice rappresentazione al Cantiere Oberdan, La Mama Spoleto Open ospita uno spettacolo partecipativo realizzato dal gruppo Dynamis, dal titolo M2. La performance si interroga, attraverso un gioco con spettatori volontari, sull’uso dell’unità di misura metro quadro – da cui prende il nome – svelando alla fine le possibili sfumature, al limite tra umano e disumano, che quotidianamente assume.

Partendo da alcuni casi di naufragio nel Mediterraneo la performance si sviluppa attorno ad una proporzione in scala, costruita attorno ad una proporzione tra superficie circoscritta e persone coinvolte: il pubblico infatti rappresenta l’essenza stessa della performance, la matrice dell’azione che si orchestra, attraverso semplici istruzioni veicolate da un’hostess e da uno stuart, in un gioco collaborativo tra sconosciuti. Le sequenze sceniche, sviluppate come le regole di un gioco, invitano le persone ad abitare lo spazio.

Il progetto si è ispirato al resoconto annuale dell’Alto commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati (Acnur) del giugno 2015, attestante che nell’ultimo anno circa 60 milioni di persone sono state costrette a migrazioni forzate per sfuggire a scenari di guerra. Dieci anni fa i migranti erano 22 milioni di meno. Di questi, circa 38,2 milioni sono sfollati interni, cioè persone che fuggono dalle proprie case, ma restano all’interno dei confini della loro nazione.

Un milione e 800 mila sono i richiedenti asilo, coloro che presentano domanda per ottenere lo status di rifugiato, quasi 20 milioni i rifugiati in senso stretto (compresi i 5 milioni di palestinesi).

Infoline:   +39 393 9166042lamamaumbria@hotmail.com

Ufficio stampa: Elisabetta Castiglioni +39 06 3225044+39 328 4112014info@elisabettacastiglioni.it

 

*Aggiornamento a cura di Luisa Mariani

Autore: admin

Condividi