Francesco NICOLOSI FAZIO- Una Casa Bianca che… Trump, colpito e affondato

 

(C’è una) Casa Bianca (che…)

 

 

TRUMP, COLPITO E AFFONDATO

foto di Alessandra Tarantino

La foto col Papa, pericoloso indizio.

°°°°

Negli anni ’50 suscitò reazioni, negli ambienti “laici” italiani, la toletta della signora Gronchi che, per prima nella Repubblica, riesumò la veletta sulla testa, durante la visita di stato del marito al Papa (Pio XXII), usanza tipica delle regine cattoliche. Anche Melania Trump, essendo nata in uno stato cattolico, si era onestamente addobbata come una regina di Spagna, forse per meglio ammaliare Bergoglio che, per lo statuto iberico, è da considerarsi suddito dei Borbone.

Non sappiamo i risultati conseguiti dalla First Lady, nulla sembra essere  trapelato dai colloqui di stato tra il capo più potente al mondo ed il più potente capo di una religione; inoltre entrambi gli stati si ispirano parecchio all’impero romano.

Ma la incredibile foto circolata sui social, lancia un messaggio inquietante. Bergoglio sembra mostrare una smorfia di evidente disgusto, qualcosa di paragonabile alle performances fotografiche di Silvio Berlusconi. Da segnalare che mai nessun capo di stato ha mostrato un tale disprezzo per un pari grado.

Un politico accorto come Borboglio non avrebbe dovuto mostrare, neanche per un istante, il suo disgusto verso il capo dello Stato che lo ha posto sul soglio di Pietro. In realtà chi “pronosticò” un “papa americano “ fu Obama, per cui non si tratta di ingratitudine diretta. Sorge il sospetto che la pratica di “impeachment” contro Trump è giunta più avanti di quanto si possa pensare.

Certamente Trump è un alieno, purtroppo colpevole di dire quello che pensa, e la pensa come la stragrande maggioranza degli americani, che non sono poi così “liberal”. Ma la colpa maggiore dell’attuale presidente americano è quella di non voler favorire più la grande speculazione finanziaria, che gestisce la presente terza guerra mondiale e che si arricchisce distruggendo il mondo.

Una volta tanto siamo d’accoro con il Governatore di Bankitalia, Visco: “quella ancora in corso è la peggiore crisi mondiale, più forte di quella del ‘29”. Soltanto che i banchieri/bancari sono d’accordo con la speculazione e “Governano” la crisi/guerra.

Come professionisti speravamo nel rilancio della economia vera, essendo il presidente degli Stati Uniti un onesto, opulento palazzinaro.

Povero Trump, non sarà un lungo addio.

Autore: admin

Condividi