Anna DI MAURO- Gratti o vinci? (“Turista per sempre” di G. Cucinotta al Teatro Piscator, Catania)

 

Lo spettatore accorto

 

 

GRATTI O VINCI?

locandina Gratta e Vinci copia

Dinamica messinscena sul  disastro  della coppia al  Teatro Piscator di Catania- “Turista per sempre” di G. Cucinotta

°°°°°

Da Messina, per le voci e i corpi di Gerri Cucinotta e Annamaria Pugliese e le musiche originali di Simone Di Blasi, approda allo storico Teatro Piscator una proposta  di Gerri Cucinotta, oltre che interprete, autore del testo e regista: “ Turista per sempre”, una satira al vetriolo sui disastri della vita sentimentale ai nostri giorni.

Raccontata con ironia e disinvoltura, tra fughe e ricerche affannose dell’Amore a Santo Domingo,   la storia finisce per approdare, tra maschere di sexi- paperi e bambole gonfiabili, allo squallore di rapporti evanescenti, dove il sesso è ormai un passepartout obsoleto.

I sogni diventano incubi, mentre la voce di Battiato ci riporta bruscamente alla folle vacuità del nostro tempo, che può uccidere, letteralmente.

Tra insegne luminose, luccichii di paillettes, tacchi a spillo e teatrini, si snocciola una misera   vicenda  tra un uomo e una donna che “ridendo castigat mores”. Il titolo amaramente rimanda   al mondo deprivato della  lottomatica. Le aspettative di una fortunata esistenza si possono  ridurre  a un metaforico e superficiale “Gratta e vinci”?  Che probabilità ci sono di ricostituire  rapporti umani e nutrienti, necessari per una vita degna di essere vissuta?

A  questa e ad altre riflessioni, tra una gag e l’altra, induce  la pièce, ci auguriamo foriera di ulteriori momenti teatrali, che vedano questi giovani attingere alle  risorse umane e intellettuali per un nuovo teatro di ricerca, dove l’asciuttezza dei mezzi  favorisce il fiorire delle idee, per un teatro dove la qualità non passi necessariamente attraverso  il dispendio economico.

Questo nostro scarno tempo impone oggi una drammaturgia snella e sinergica.

In questa direzione vediamo il progetto del Cucinotta, dai toni volutamente dimessi in scena, validamente affiancato da una partner teatrale  frizzante al punto giusto, amara quanto basta, in un duetto sostanzialmente monologante che si fa  denuncia della solitudine e del vuoto esistenziale e culturale di una generazione narcisista, senza dèi, ma soprattutto privata della  profondità di sentimenti.

°°°°°

“Turista per sempre”  Testo e Regia di Gerri Cucinotta  Musiche di Simone Di Blasi   Con Gerri Cucinotta e Annamaria Pugliese

Al Teatro Piscator di Catania

Autore: admin

Condividi