Cosenza, Galleria Ubik- Ugo G. Caruso dialoga con Antonio Ludovico (Ritratti dalla Storia del Rock)

Segnalazioni

 

 

UN POMERIGGIO A TUTTO ROCK INSIEME AI  “PROTAGONISTI IMPERFETTI” DI ANTONIO LUDOVICO CHE DIALOGA CON UGO G. CARUSO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LUNEDÌ 8 MAGGIO ALLE ORE 18 ALLA LIBRERIA UBIK DI COSENZA (Via XXIV MAGGIO, 49 P) DOVE UGO G CARUSO PRESENTERÀ LA RACCOLTA DI RITRATTI CHE ANTONIO LUDOVICO HA DEDICATO AD ALCUNI EROI DELLA STORIA DEL ROCK, NON TUTTI PERSONAGGI DI PRIMO PIANO MA COMUNQUE IMPORTANTI. UNA GALLERIA DI BEAUTIFUL LOSERS DAL FASCINO MAUDIT, TRASCURATI O RISCOPERTI TROPPO TARDI.
L’INCONTRO PREVEDE PURE LA PROIEZIONE DI ALCUNI STREPITOSI FILMATI

°°°°

Antonio Ludovico, catanzarese, classe 1966, di professione avvocato penalista,  con il pallino della narrativa (Rubbettino ha appena pubblicato la sua terza fatica letteraria, il romanzo “La porta socchiusa”), nonchè da sempre appassionato intenditore di musica e tra gli animatori del Museo del Rock di Catanzaro ha presentato “Protagonisti imperfetti. Trentuno storie rock”, pubblicato dall’editore vicentino Altro Mondo, già oltre trenta volte nella sola Calabria.

A Cosenza ad attenderlo per una conversazione che si preannuncia scoppiettante e ricca di aneddoti sulla storia del rock ci sarà Ugo G. Caruso, classe 1956, cosentino residente a Roma da oltre quarant’anni, storico dello spettacolo, appassionato da sempre di rock e di jazz, mpb e canzone d’autore francese, autore di saggi e articoli sulla musica, già docente a contratto presso la  cattedra di Storia della Musica nell’Università di Roma Tor Vergata, frequentatore incessante di concerti e aquirente massivo di dischi, appartenente ad una generazione precedente rispetto a quella di Ludovico, dunque più prossima ai personaggi e ai fatti narrati nel libro.

“A volte si direbbe che il destino sia stato lì a divertirsi con i cantanti rock, quasi a rivendicare una risposta crudele allo strappo alle regole che essi infrangevano continuamente”.  E’ questo l’incipit di uno degli ultimi capitoli della raccolta in cui Ludovico ha messo insieme quei retroscena, spesso rimasti nel dietro le quinte di personaggi che hanno segnato un’epoca.

La galleria è davvero varia e fascinosa: dopo i fondamentali capitoli introduttivi ineludibilmente dedicati alla “Woodstock Nation” al magico 1967 con i suoi movimenti controculturali e finanche in un altro preambolo, ai provos olandesi, sfilano davanti al lettore le esistenze intense, bizzarre, agitate e compresse in un pugno d’anni, di personaggi come Nick Drake, Jim Croce, Laura Nyro, Sly Stone, l’inventore del soul psichedelico; Terry Kath, chitarrista dei Chicago; Michael Shrieve, batterista dei Santana; Jaco Pastorius, bassista dei Weather Report; Sandy Denny, la voce dei Fairport Convention; John Cipollina, chitarrista e leader dei Quicksilver Messanger Service e tanti altri.

Non mancano a esempio le istantanee su artiste ancora in vita dal profilo controverso secondo Ludovico, come Yoko Ono, musa e simbiotica compagna di John Lennon o Grace Slick, sensuale front woman dei Jefferson Airplanes e compagna di Paul Kantner, come pure di artisti blues e soul come Delaney Bramlett o Blind Owl ed altri ancora, come Mike Bloomfield, esponente eponimo dell’underground californiano; Levon Helm di The Band; Peter Green dei Fletwood Mac; Dave Mason dei leggendari Traffic o ancora Mike Heron e Robin Williamson, fondatori della Incredible String Band; Ronnie Van Zandt dei Lynard Skynyrd; Nick “The Greek ” Gravenities; Richard Sinclair, anticipatore della Scuola di Canterbury; gli Allman Brothers Band; Ronnie Lane, l’anima country dei Faces; Randy California degli Spirit; Denny Laine, il fido scudiero di Paul McCartney ed infine l’inconfondibile Mama Cass dei Mamas and Papas.

Ad arricchire l’incontro e a contrappuntare il dialogo tra Ludovico e Caruso ci saranno pure dei filmati scelti dall’autore del libro e annunciati come sensazionali.
Insomma, come si diceva, un appuntamento imperdibile.

Autore: admin

Condividi