Teatro Massimo Bellini di Catania- Maratona Rachmaninov. Concerti per pianoforte (30 aprile)

 

Teatro Massimo Bellini Catania

 

 

 

MARATONA RACHMANINOV

TEATRO MASSIMO BELLINI DI CATANIA

In programma i 4 Concerti per pianoforte e la Rapsodia su un tema di Paganini

30 aprile ore 18

°°°°

“Maratona Rachmaninov” è l’eloquente titolo del concerto fuori abbonamento che il Teatro Massimo Bellini propone domenica 30 aprile a partire dalle ore 18. Un mega evento monografico per ascoltare – dal vivo – tutte e cinque le pagine per pianoforte e orchestra scritte dal grande pianista e compositore russo , incluso naturalmente il celeberrimo “Rach 2”.

Sul podio dell’Orchestra del Bellini salirà Epifanio Comis, non solo pianista di fama internazionale, ma altresì rinomato direttore d’orchestra. Dato l’estremo virtuosismo della parte solistica, l’esaltante “maratona” sarà l’occasione per ammirare le doti di cinque giovani pianisti di talento, uno per ogni brano in programma: Riccardo Alma, Viviana Lasaracina, Lorenzo Pascucci, Daniele Rametta e il russo Dmitrij Shishkin.

Il progetto è stato ideato e realizzato dal Teatro Massimo Bellini di Catania in collaborazione con Conservatorio di Mosca, Sergej Rachmaninov International Award, Rachmaninov Society Italia, Istituto musicale Vincenzo Bellini di Catania.

Come sottolinea il direttore artistico del Teatro Massimo Bellini,  Francesco Nicolosi: “La Maratona dedicata a Rachmaninov si colloca in quell’opera di promozione dedicata ai giovani musicisti di oggi che tutti ci auguriamo possano essere i beniamini e i pupilli del pubblico di domani.

Questa dirigenza ha voluto, fin dalla prima Stagione sinfonico-cameristica di cui si è occupata, dare la possibilità ai nuovi talenti, italiani e non, di potersi esibire da protagonisti in un palcoscenico prestigioso come quello del Teatro Massimo Bellini. I pianisti che suoneranno stasera sono stati selezionati attraverso due audizioni pubbliche dinanzi ad una prestigiosa giuria internazionale.

Il più giovane di essi  ha solo 16 anni e rappresenta, assieme naturalmente agli altri quattro prescelti per questa Maratona, quella ricchezza e quella risorsa di cui l’infelice e maltrattato – per certi versi – mondo di oggi avrebbe terribilmente bisogno”.


*Ufficio Stampa a cura di Caterina Andò

Autore: admin

Condividi